Sei in: Home > Edizioni Locali > Regione Sicilia – le strutture sanitarie nel mirino delle misure anti covid

Regione Sicilia – le strutture sanitarie nel mirino delle misure anti covid

Strutture socio sanitarie, Assessore regionale Lavoro e Famiglia incontra la Federazione Sindacati Indipendenti. Scavone: “Già avviato monitoraggio delle strutture che hanno adottato il piano di prevenzione e controllo Covid 19″ 

Il rigoroso rispetto delle misure anti covid nelle strutture socio sanitarie nell’Isola è stato al centro di un incontro tra l’Assessore regionale alle Politiche sociali, Antonio Scavone, e Calogero Coniglio, Segretario Regionale della Fsi-Usae, sindacato firmatario di contratto nel comparto sanità.

Le case di riposo, le Rsa, le comunità alloggio e, più in generale, le strutture residenziali che ospitano soggetti fragili rappresentano luoghi dove è più alto il rischio di contagio da coronavirus – ha affermato Coniglio – sia per gli ospiti che per i lavoratori sanitari e non. Chiediamo che il governo regionale adotti misure finalizzate ad un rigoroso rispetto dei protocolli in materia di prevenzione e controllo di eventuali focolai”.

“La recrudescenza del contagio da covid-19 che sta interessando in questi giorni anche la nostra regione – ha detto Scavone –

impone comportamenti molto rigorosi per la prevenzione ed il contenimento della pandemia. Le strutture socio assistenziali possono diventare, se non adeguatamente controllate, pericolosi focolai che possono mettere a rischio le stesse comunità ospitate. Nei giorni scorsi abbiamo inviato a tutte queste strutture una nota con cui chiediamo in tempi rapidissimi di comunicarci di avere adottato il piano di prevenzione e controllo per il contenimento del contagio da coronavirus. Nella stessa nota – ha proseguito l’esponente del governo Musumeci – abbiamo richiamato l’osservanza delle note assessoriali già inviate a febbraio, a marzo e ad aprile scorso con cui sono state impartite specifiche e dettagliate indicazioni per prevenire e contenere il contagio, in particolare la circolare n.1259 del 3 aprile scorso, oltre alle disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia”.