Sei in: Home > Edizioni Locali > Milano > Reddito di cittadinanza- A Milano solo 113 cittadini hanno trovato un impiego

Reddito di cittadinanza- A Milano solo 113 cittadini hanno trovato un impiego

Le cifre sono impietose: su 19mila milanesi che percepiscono il reddito di cittadinanza solo 113 sono stati impiegati da Palazzo Marino per progetti di pubblicati utilità. La proporzione fa spavento: solo lo 0,006% dei percettori del sussidio ha lavorato per la collettività. È quanto emerso durante il consiglio comunale di lunedì 11 gennaio quando l’assessore alle politiche social, Gabriele Rabaiotti, ha risposto a una domanda di Fabrizio De Pasquale (Forza Italia); quesito relativo al bando per l’attivazione dei Puc (progetti utili alla collettività) pubblicato da Palazzo Marino alla vigilia di Natale 2020.

L’amministrazione comunale ha messo in campo due progetti per i cittadini che beneficiano della misura varata dal primo governo Conte. Il primo (tra ottobre e dicembre 2020, attivato tramite una call interna) ha visto la partecipazione di 60 beneficiari del reddito di cittadinanza: tutti impiegati in diverse sedi della direzione politiche sociali del Comune per il controllo delle temperatura e dei dispositivi di protezione individuale. Il secondo progetto, invece, era rivolto a 236 percettori della misura ma ha coinvolto effettivamente solo 53 persone.