Sei in: Home > Edizioni Locali > Raggi: “Spiagge accessibili a tutti”, polemica sui social

Raggi: “Spiagge accessibili a tutti”, polemica sui social

Bagnanti in spiaggia ad Ostia, 6 agosto 2018. ANSA/CLAUDIO PERI

È scattata l’ennesima polemica sotto al post sulle spiagge accessibili del sindaco di Roma Virginia Raggi.

Il sindaco di Roma Virginia Raggi non è nuova alle polemiche. Questa volta ne è arrivata un’altra. La prima cittadina ha condiviso sulla sua pagina Facebook un video con questa caption: “Stiamo lavorando su tutti gli arenili del litorale di Roma per permettere alle persone con disabilità, alle mamme con i passeggini e a tutte le persone con impedimenti temporanei di accedere alla spiaggia e ai servizi. Vogliamo restituire ai cittadini spazi sicuri e realizzati nel rispetto della legalità”.

Ecco qui che si è scatenato il panico. Subito, con l’ironia romana, una signora ha scritto: “Virgi’ stiamo a fine estate queste cose vanno fatte ad aprile Ora stai buttando i miei soldi Riguarda i tempi.”

Il sindaco, o chi per lei, ha risposto: “Fondi stanziati con il previsionale del 2019, progetto consegnato fine primavera, poi bandita la gara, aggiudicata… Questi sono i tempi! Stiamo accelerando al massimo… Ma più di così, rispettando tutte le procedure, non ce la si fa.”

Subito sotto troviamo: “É uno scandalo che il lungomare di Ostia sia in queste condizioni, spero che la sindaco possa realmente fare qualcosa per cambiare lo stato attuale. Prendiamo in esempio la costa adriatica, in particolare quella marchigiana e Abruzzese, le spiagge libere si alternano con gli stabilimenti e soprattutto il mare lo vedi sempre durante la passeggiata. Risalire a chi ha concesso licenze per costruire stabilimenti che nascondono la vista del mare e farsi dare almeno delle spiegazioni in merito sarebbe un buon inizio.”

Anche i nquesto caso, il commento di risposta è stato: “Questo lavoro è un corso. Ci sono oltre 70 concessioni sul litorale, tutte risalenti a decenni addietro. Già con il commissario avevamo iniziato con le decadenze ma i procedimenti sono lunghissimi. Nel frattempo abbiamo proceduto, ove possibile e nel rispetto delle procedure di legge con Salvini abbattimenti e abbiamo ripristinato la spiaggia libera. È un’attività avviata che dovrà continuare: era però fondamentale iniziare!”.