Streaming
Sei in: Home > Esecuzioni Immobiliari > Esecuzioni Genova > R.G.E. n° 346/2014 – 514/2014 – lotto due –

R.G.E. n° 346/2014 – 514/2014 – lotto due –

TRIBUNALE DI GENOVA

ESECUZIONE IMMOBILIARE R.G.E. N° 346/2014 – 514/2014

II AVVISO DI VENDITA

Il sottoscritto, Dott. Andrea Cosenza, con studio in Genova, Via Palmaria 9/4, telefono 010/5704805 – fax 010/5704805, email andrea.cosenza@libero.it, avvisa che il giorno 10 luglio 2019 alle ore 14:00 presso il Tribunale di Genova, Aula 46, III piano, postazione B (Palazzo di Giustizia – Piazza Portoria 1) avrà luogo la deliberazione sulle offerte sia cartacee che telematiche, per la vendita senza incanto, con modalità telematica sincrona a partecipazione mista ex art. 22 D.M. 32/2015, e l’eventuale gara tra gli offerenti, ai sensi degli artt. 571 ss. c.p.c. dell’immobile pignorato, come di seguito identificato:

Lotto Due: immobile sito in Genova Via V Maggio, civ. 35-51r contraddistinto al N.C.E.U. di Genova alla sezione QUA al Foglio 6, particella 175 sub 5 con i seguenti dati di classamento: categoria C/3;classe 1;mq. 57; rendita € 432,74.

Prezzo Base: € 25.000,00 – offerta minima € 18.75,00 – Rilancio Minimo € 500,00.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA CARTACEA

Le offerte di acquisto, con allegata una marca da bollo di € 16,00, dovranno essere presentate, previo appuntamento telefonico, in busta chiusa presso lo studio del professionista delegato, Dott. Andrea Cosenza, in Genova, Via Palmaria 9/4, telefono 010/5704805 – fax 010/5704805, email andrea.cosenza@libero.it, entro le ore 12:00 del giorno 09/07/2019, pena l’inefficacia delle offerte medesime. All’offerta dovrà essere allegata fotocopia del documento di identità valido e del codice fiscale dell’offerente (oltre agli ulteriori documenti sopra indicati) nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a “Trib. Genova Es. Imm. 346/2014 – 514/2014” per un importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. Tale importo verrà trattenuto dalla procedura esecutiva nel caso in cui l’offerente, resosi aggiudicatario del bene, rifiuti di acquistare il bene oggetto dell’aggiudicazione. Escluso ogni pagamento in forma telematica.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

Le offerte telematiche di acquisto devono pervenire dai presentatori dell’offerta entro le ore 12 del giorno 09/07/2019 mediante l’invio all’indirizzo di PEC del Ministero offertapvp.dgsia@giustiziacert.it e si intenderà depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia. L’offerta di acquisto deve essere presentata tramite il modulo web “Offerta telematica” messo a disposizione del Ministero della Giustizia e presente sulla scheda del lotto pubblicata sul portale http://pvp.giustizia.it, procedendo come descritto nel “Manuale Utente”. Per essere ammesso a partecipare alla vendita telematica, l’offerente dovrà versare anticipatamente, a titolo di cauzione, una somma pari al dieci per cento (10%) del prezzo offerto, esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente bancario intestato a “Trib. Genova Es. Imm. 346/2014 – 514/2014” al seguente IBAN IT04L0101501400000070626917 e tale importo sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto. Il bonifico, con causale “Trib. Genova Es. Imm. 346/2014 – 514/2014, lotto due o tre, versamento cauzione”, dovrà essere effettuato in tempo utile per risultare accreditato sul conto corrente intestato alla procedura allo scadere del termine ultimo per la presentazione delle offerte. Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta.

Pubblicazione dell’ordinanza, dell’avviso di vendita unitamente alla perizia sui siti internet: https://portalevenditepubbliche.giustizia.it/pvp,  www.astegiudiziarie.it e www.astetelematiche.it  www.ogginotizie.it/edizioni/genova-oggi-notizie/www.tribunaliitaliani.it

Per informazioni ed accessi rivolgersi al Professionista delegato, dr. Andrea Cosenza tel.:010.570.48.05.andrea.cosenza@libero.it

IL TRIBUNALE NON SI AVVALE DI MEDIATORI E NESSUN COMPENSO PER MEDIAZIONE DEVE ESSERE DATO AD AGENZIE IMMOBILIARI.