Streaming
Sei in: Home > Esecuzioni Immobiliari > Esecuzioni Genova > R.G.E. 494/2017

R.G.E. 494/2017

TRIBUNALE DI GENOVA
UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI
III AVVISO DI VENDITA
NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE R.G.E. N.494/2017

Il professionista avv. Paola Testa con studio in Genova, Via SS. Giacomo e Filippo 19/1A (tel. 010/8461652 P.E.C. paololara.testa@ordineavvgenova.it), avvisa che il giorno 23/09/2019 ORE 16.30, presso il Tribunale di Genova, terzo piano, aula 46, si terrà la vendita vendita sincrona mista del seguente bene:

Descrizione dell’immobile: LOTTO UNICO Piena proprietà dell’appartamento sito in Genova, nell’edificio distinto con il n. civico 4 di Via del Lagaccio, piano quinto, interno n. 10 A.
L’unità immobiliare è su un piano composto da ingresso, soggiorno, cucina, bagno con disimpegno e due camere.
Il bene è censito al Catasto Fabbricati del Comune di Genova, alla Sez. GEC, foglio 11, mappale 317, subalterno 22, cat. A/4, classe 3, consistenza 4.5 vani, superficie catastale 88 mq, Rendita catastale € 325,37.
Regolarità edilizia e miglior descrizione: si rimanda alla perizia di stima. L’appartamento risulta locato

PREZZO DI € 31.500,00
LA MISURA MINIMA DEL RIALZO È PARI AD EURO 1.500,00
PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN CARTACEA

Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa e in bollo da 16 €, senza alcun segno di riconoscimento, presso lo Studio del Delegato, entro le ore 12.00 del 20/09/2019, previo appuntamento telefonico allo
010/8461652 – 3405273121 ovvero tramite email all’indirizzo paolalara.testa@libero.it. All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché: un assegno circolare non trasferibile intestato a “Procedura Esecutiva n° 494/2017 “, per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione e un assegno circolare non trasferibile intestato a “Procedura Esecutiva n° 494/2017 “, per un importo pari al 15 per cento del prezzo offerto, a titolo di fondo spese presunte.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

Per partecipare alla vendita telematica è necessario registrarsi al sito www.fallcoaste.it, iscriversi alla vendita di interesse, presentare la domanda firmata e versare la cauzione, il tutto seguendo le indicazioni di seguito sintetizzate a titolo esemplificativo e comunque attenendosi alle istruzioni presenti anche all’indirizzo internet su indicato. Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico  bancario sul conto corrente bancario intestato alla procedura R.E. 494/2017 (Banco BPM – IT32 N 05034 01400 000000004790): a titolo di cauzione, una somma pari al 10% del prezzo offerto; a titolo di fondo spese presunte, una somma pari 15% del prezzo offerto. I bonifici, con causale: ” Tribunale di Genova Esecuzione n°494/2017, versamento cauzione” e ” Tribunale di Genova Esecuzione n° 494/2017, versamento fondo spese” dovranno essere effettuati in modo tale che l’accredito delle somme abbia luogo e sia, quindi, visibile sul conto corrente intestato alla Procedura almeno il giorno antecedente a quello dell’udienza di vendita telematica. Il mancato accredito del bonifico sul conto indicato è causa di nullità dell’offerta.

Il presente avviso di vendita, unitamente alla relazione di stima e all’ordinanza di vendita delegata, nonché l’avviso di vendita per estratto, saranno pubblicati, a cura del Delegato, rispettivamente sul portale del Ministero della Giustizia in un’area denominata “portale delle vendite pubbliche” e sui siti internet www.astegiudiziarie.it, www.cambiocasa.it, sul quotidiano on-line “Genova Oggi Notizie” genova.ogginotizie.it, sui siti www.immobiliare.it, www.entietribunali.itwww.genova.repubblica.it a termini di legge.

Per maggiori informazioni, previo appuntamento, rivolgersi presso lo studio dell’Avv. Paola Testa in Genova, Via SS. Giacomo e Filippo 19/1A.

SI SEGNALA CHE PER LA VENDITA DEL PRESENTE IMMOBILE IL TRIBUNALE NON SI AVVALE DI MEDIATORI E CHE NESSUN COMPENSO PER MEDIAZIONE DEVE ESSERE DATO AD AGENZIE IMMOBILIARI.