Sei in: Home > Esecuzioni Immobiliari > Esecuzioni Genova > R.E. N. 681/2015 – N. 497/2017 – lotto due –

R.E. N. 681/2015 – N. 497/2017 – lotto due –

AVVISO DI VENDITA

NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE

R.E. N. 681/2015 – N. 497/2017

Il professionista Dott.ssa Elisa Papandrea con studio in Genova, Via Ippolito d’Aste 3/11 sc. Ds, avvisa che il Giudice dell’Esecuzione ha ordinato la VENDITA TELEMATICA SINCRONA MISTA  del bene immobile per il giorno 17 aprile 2019 alle ore 16.00 per il lotto II presso il Tribunale di Genova, III piano, aula n° 46:

LOTTO II: Magazzino posto al piano strada avente accesso dal civ. 58B rosso di Via Gallesi a Genova San Quirico composto da un unico locale con piccolo ripostiglio. Superficie lorda commerciale: 70,00 mq Superficie netta effettiva: 54,00 mq. Dati catastali Unità immobiliare censita al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del comune di Genova, sezione SQ, Foglio 7, Mappale 323, Subalterno 30, Via Gallesi n. 58B rosso, piano T, Categoria C/2, Classe 4, Consistenza 54 mq – superficie catastale totale 70 mq, Rendita Catastale € 209,17. Stato di possesso dei beni Allo stato attuale l’immobile risulta nella disponibilità degli esecutati.

PREZZO DI BASE: EURO 15.750,00 – SARANNO COMUNQUE RITENUTE VALIDE, AL FINE DI PARTECIPARE ALLA GARA, OFFERTE NON INFERIORI AD EURO 11.812,50 PER IL LOTTO II (COME DA CONDIZIONI SOTTO RIPORTATE). AUMENTO MINIMO € 1.000,00.
PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA CARTACEA

Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, entro le ore 12,00 del giorno 16/04/2019 previo appuntamento, presso lo studio del Professionista Delegato, Dott.ssa Elisa Papandrea con studio in Genova, Via Ippolito d’Aste 3/11 sc. Ds. All’offerta dovrà essere allegato un assegno circolare non trasferibile, intestato al “Tribunale di Genova – RGE n. 681/2015 – n. 497/2017″, di importo non inferiore al 10% del prezzo offerto, da imputarsi a titolo di deposito cauzionale, che sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto; escluso ogni pagamento in forma telematica

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

L’offerta di acquisto deve essere presentata tramite il modulo web “Offerta Telematica” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia, che permette la compilazione guidata dell’offerta telematica per partecipare ad un determinato esperimento di vendita, ed a cui è possibile accedere dalla scheda del lotto in vendita presente sul portale www.astetelematiche.it. Dal modulo web è scaricabile il “manuale utente per la presentazione dell’offerta telematica”. L’offerta d’acquisto telematica ed i relativi documenti allegati dovrà essere inviata all’indirizzo PEC del Ministero della Giustizia offertapvp.dgsia@giustiziacert.it e si intenderà depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia. Ciascun concorrente, per essere ammesso alla vendita telematica, deve comprovare l’avvenuta costituzione di una cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta di importo non inferiore al 10% del prezzo offerto. Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate sono: IBAN IT37 A03332 01400 000000960549 con la seguente causale: PROC. ES. IMM. RGE 681/2015 – 497/2017. Onde consentire il corretto accredito della cauzione sul suddetto conto il bonifico deve essere effettuato in tempo utile per risultare accreditato sul conto corrente intestato alla procedura allo scadere del termine ultimo per la presentazione delle offerte. Il bonifico dovrà essere presentato, entro le ore 12,00 del giorno 16/04/2019.

Pubblicazione dell’ordinanza, dell’avviso di vendita unitamente alla perizia sui siti internet: https://portalevenditepubbliche.giustizia.it/pvp   www.astegiudiziarie.it www.cambiocasa.it, www.Genovaogginotizie.it,    www.tribunaliitaliani.it  www.immobiliare.it, www.entietribunali.it, www.genova.repubblica.it.

Custode giudiziario: Dott.ssa Elisa Papandrea, Via Ippolito D’Aste 3/11 sd Genova, tel. 010 562281

SI SEGNALA CHE PER LA VENDITA DEL PRESENTE IMMOBILE IL TRIBUNALE NON SI AVVALE DI MEDIATORI E CHE NESSUN COMPENSO PER MEDIAZIONE DEVE ESSERE DATO AD AGENZIE IMMOBILIARI.
image_pdfimage_print