Breaking News Streaming
Sei in: Home > Esecuzioni Immobiliari > Esecuzioni Genova > R.E. 737/2009

R.E. 737/2009

TRIBUNALE DI GENOVA.
ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 737/2009 R.E.
V AVVISO DI VENDITA TELEMATICA SINCRONA A PARTECIPAZIONE MISTA
AI SENSI DEGLI ARTT. 490, 570 E 591 BIS C.P.C.

Il sottoscritto Notaio Alessandro Corsi, con studio in Genova Via G. D’Annunzio 2/12, Email acorsi@notariato.it; Tel.:010/565707, avvisa che che il giorno 03/04/2019 alle ore 17.30 presso l’Aula 46 piano III del Tribunale di Genova, Piazza Portoria n. 1, svolgerà la vendita telematica sincrona a partecipazione mista del seguente bene:

LOTTO UNICO In Comune di Mele (GE) piena proprietà dell’appartamento sito in Via Gallinea civico numero 57 (ora 59B) interno 2, posto al piano primo della superficie commerciale di circa mq. 84,00, composto da ingresso-soggiorno, cucina, due camere, servizio, corridoio.
Confini: L’immobile confina con la restante proprietà di Lucarno Ottavio e/o aventi causa.
Dati catastali: Il fabbricato è censito al Catasto Fabbricati del Comune di Mele con i seguenti dati:
Foglio 14, mapp. 84 sub. 8, cat. A/3, classe 1, consistenza vani 4,5 R.C. Euro 313,75.

PREZZO BASE: € 18.432,00

RILANCIO MINIMO DI GARA: € 1.000,00 (EURO MILLE/00)

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA CARTACEA

L’offerta di acquisto deve essere presentata, entro le ore 12:30 del giorno 02/04/2019, presso lo studio del professionista Delegato Notaio Alessandro Corsi in Genova (GE), Via D’Annunzio n. 2/12. All’offerta dovranno essere allegati in caso di offerta cartacea: assegno circolare non trasferibile intestato a “PROCEDURA ESECUTIVA R.E. 737/09” per un importo almeno pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

L’offerta di acquisto deve essere presentata tramite il modulo web “Offerta Telematica” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia, che permette la compilazione guidata dell’offerta telematica per partecipare ad un determinato esperimento di vendita, ed a cui è possibile accedere dalla scheda del lotto in vendita presente sul portale www.astetelematiche.it. Dal modulo web è scaricabile il “manuale utente per la presentazione dell’offerta telematica”. L’offerta d’acquisto telematica con i relativi documenti allegati dovrà essere inviata all’indirizzo PEC del Ministero della Giustizia offertapvp.dgsia@giustiziacert.it e si intenderà depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia. L’offerente dovrà versare anticipatamente, a titolo di cauzione, una somma pari almeno al dieci per cento (10%) del prezzo offerto, esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente bancario intestato a Procedura Esecutiva n. 737/09 al seguente IBAN IT 21 P 05584 01401 000000001448, e tale importo sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto. Il bonifico, con causale “Proc. Esecutiva RE n. 737/09 Lotto unico, versamento cauzione”, dovrà essere effettuato in modo tale che l’accredito delle somme abbia luogo entro il giorno precedente l’udienza di vendita telematica.

La pubblicità sarà effettuata a norma dell’art. 490 del c.p.c. secondo le modalità stabilite dal G.E.: pubblicazione dell’ordinanza e dell’avviso di vendita, sul portale delle vendite pubbliche del Ministero della Giustizia; pubblicazione dell’ordinanza, dell’avviso di vendita unitamente alla perizia sul sito internet www.astegiudiziarie.itwww.cambiocasa.it,  genovaogginotizie.it www.tribunaliitaliani.it   www.immobiliare.itwww.entietribunali.it, www.genova.repubblica.it

Maggiori informazioni possono essere reperite presso il Custode SO.VE.MO S.R.L., con studio in Genova, Corso Europa n. 139 (Email visitegenova@sovemo.com Tel.:010/5299253), ovvero presso lo studio del professionista Delegato Notaio Alessaandro Corsi, sito in Genova, Via G. D’Annunzio 2/12 (Email acorsi@notariato.it;Tel.:010/565707).

SI SEGNALA CHE PER LA VENDITA DEL PRESENTE IMMOBILE IL TRIBUNALE NON SI AVVALE DI MEDIATORI E CHE NESSUN COMPENSO PER MEDIAZIONE DEVE ESSERE DATO AD AGENZIE IMMOBILIARI.