Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Punta un euro e becca un milione, la dea bendata fa tappa a Sora

Punta un euro e becca un milione, la dea bendata fa tappa a Sora

 

 

La dea bendata ha fatto tappa a Sora, una sosta davvero consistente che ha donato a un anonimo giocatore un futuro certamente diverso. Quello che potrà costruirsi con il milione di euro vinto domenica grazie al concorso a estrazione “MillionDay”con una giocata da un euro. Sorridenti e quasi incredule per la vincita record la titolare del bar-tabaccheria bistrot “Marinella” e le sue figlie che domenica mattina hanno venduto il biglietto “magico” a qualche cliente di cui però non conoscono l’identità. La cinquantenne Marinella Cicchini e le sue figlie Daniela e Serena Fabrizi di Broccostella sono raggianti mentre comunicano a tutti, amici e parenti, della straordinaria vincita.

Sulla vetrina del locale a conduzione familiare che sorge lungo la centralissima via Napoli hanno appeso un cartello con lascritta “Vinto qui il17 marzo 2019 un milione di euro”. Il fortunatissimo o fortunatissima cliente del bar ha vinto la cifra da capogiro con una schedina del “MillionDay”, il gioco numerico a quota fissa di Lottomatica, che si conferma così un concorso particolarmente generoso. La combinazione giocata domenica nella ricevitoria “Marinella” era proprio quella dei cinque numeri vincenti:19, 26, 38, 48 e 54. Si è trattato della cinquantaduesima vincita milionaria registrata dalla nascita del gioco.

Fino a oggi il “Million Day” ha distribuito vincite in tutta Italia per un totale di oltre 133 milioni di euro, tra queste anche 15.931 da 1.000 euro. «Siamo state contattate telefonicamente ieri mattina da Lottomatica spiega ancora emozionata Marinella Cicchini È la prima volta che in sette anni di attività è stata vinta qui una cifra così importante. È un anno che è uscito questo gioco e molti dei nostri clienti tentano quotidianamente la fortuna». Tanto che domenica scorsa la sua ricevitoria ha effettuato un centinaio di giocate. «Rivolgiamo tanti auguri al vincitore o alla vincitrice», aggiunge Marinella, anche se a lei e alle sue figlie il regolamento del gioco non riconosce neanche un centesimo.