Sei in: Home / Edizioni Locali / Provincia di Varese, scoperta casa di riposo abusiva

Provincia di Varese, scoperta casa di riposo abusiva

2.000 euro al mese la retta, circa 10 ospiti. Tutto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza, compresi farmaci scaduti.

Anziani e malati neurologici affidati ad una casa di riposo sul Lago Maggiore a Luino. Peccato però che quella casa di cura fosse allestita in una villa privata e oltretutto completamente abusiva. La Guardia di Finanza di Luino lunedì mattina ha eseguito un blitz nella casa, appurando l’assenza di regolari permessi amministrativo-sanitari e una totale mancanza di personale medico e paramedico specializzato. I malati erano assistiti da un’operatrice socio sanitaria, indagata insieme al gestore della struttura, e una badante ucraina irregolare. Le donne somministravano farmaci senza ricetta medica e si occupavano di anziani non autosufficienti.

I 10 pazienti, ora trasferiti in altre strutture dell’Alto Varesotto, pagavano una retta di 2.000 euro al mese.

Oltre alla Finanza, ha fatto parte dell’operazione anche il personale specializzato dell’A.T.S. Insubria di Varese «che ha fornito un apporto indispensabile per la complessità dell’intervento», dicono i militari.

La struttura è posta sotto sequestro, dalla Procura di Varese, insieme ad un alto quantitativo di farmaci, tra cui alcuni scaduti, e alla documentazione medica e contabile per ulteriori accertamenti.

Check Also

CAI: “Oltre la metà dei sentieri è stata danneggiata dal maltempo”

Il Club alpino italiano ha stimato che circa la metà dei sentieri di montagna nel …