Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Proventi della droga reinvestiti in due locali e un’officina: due arresti

Proventi della droga reinvestiti in due locali e un’officina: due arresti

 

IMPERIA –  Due misure di custodia cautelare e due bar sequestrati a Ceriale, oltre ad una officina di Imperia e un conto corrente in Carispezia. Secondo gli inquirenti, infatti, le tre attività sarebbero state aperte col denaro proveniente da un traffico di stupefacenti e intestate a dei prestanome. Per questo è scattato l’arresto di Sergio Taverna, 53 anni, e la notifica in carcere dell’ordinanza di custodia cautelare per Giacomo Masottina, 44 anni e con altrettante misure di obbligo di firma.

Gli indagati sono accusati a diverso titolo di trasferimento fraudolento di valori, ipotesi di reato che ha portato ai sequestri preventivi. Obbligo di firma per il figlio di Taverna a cui erano intestati i due locali e ad una terza persona che forse potrebbe aver fatto da prestanome per l’officina.

Masottina e Taverna erano già finiti in carcere a gennaio del 2018, nell’ambito dell’operazione ‘Andalusia 1’. Il primo venne fermato con quasi 59 kg di marijuana e il secondo con 4 kg di hashish nascosti in un’autorimessa. È stato a margine dell’inchiesta per droga che sono partiti gli accertamenti patrimoniali e l’indagine ‘Andalusia 2’, condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo e coordinata dal procuratore di Imperia Alberto Lari. È così risultato che i proventi della droga venivano investiti in attività lecite.