Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Prof condannata per aver postato frasi razziste sui social

Prof condannata per aver postato frasi razziste sui social

Una professoressa di Venezia è stata condannata per istigazione all’odio razziale.

La professoressa di inglese Fiorenza Pontini è finita a processo ed è stata condannata per istigazione all’odio razziale. Su Facebook aveva scritto: «Un altro salvataggio, ma non potevate lasciarli morire?» parlando dei migranti.

Non solo, sotto ad un post in cui si parlava di un gruppo di musulmani che avevano sputato su un crocifisso ha commentato: «Bisogna ucciderli tutti».

Nell’estate 2016 si legge: «Poi ho torto quando dico che bisogna eliminare anche i bambini dei musulmani, tanto sono tutti futuri delinquenti». Su Laura Boldrini ha scritto: «schifosa, puttana, troia».

Dopo questa vicenda, la professoreassa è stata sospesa e licenziata in tronco. Il suo avvocato Albertini ha commentato dicendo: «Non è già il non poter più insegnare una punizione? In trent’anni di insegnamento Fiorenza Pontini non ha mai avuto procedimenti disciplinari in tal senso. La reazione che si è scatenata e la gogna mediatica a cui è stata sottoposta sono state spropositate. Un vero e proprio massacro mediatico, tanto che per giorni non usciva di casa. Non meritava di arrivare a un procedimento penale».

La linea di difesa adottata è stata «concretezza della pericolosità nei commenti». Adesso però l’avvocato vuole procedere con il ricorso.