Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ponte Morandi, conferenza stampa del premier Conte – il video esclusivo di Oggi Notizie

Ponte Morandi, conferenza stampa del premier Conte – il video esclusivo di Oggi Notizie

Stanziati cinque milioni di euro per interventi urgenti

Al termine di un Consiglio dei ministri straordinario – durato circa un’ora – tenutosi in Prefettura a Genova, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, accompagnato dai vice premier Matteo Salvini e Luigi Di Maio e dal ministro il ministro delle Infrastrutture, ha comunicato che saranno stanziati cinque milioni di euro per interventi urgenti in seguito al crollo del ponte Morandi, nel capoluogo ligure. «Abbiamo deciso di accogliere la richiesta avanzata dal governatore Giovanni Toti», ha affermato Conte. «Questo è solo un primo significativo intervento. Tragedie come queste sono inaccettabili in una società moderna. Questo governo farà di tutto perchè non si ripetano».

La revoca della concessione alla Società Autostrade

In conferenza stampa, il premier ha confermato inoltre l’intenzione del governo di non attendere le verifiche sul crollo che saranno fatte in sede penale, ma di avviare subito «la procedura per la revoca della concessione alla società Autostrade, perché non c’é dubbio che non ha adempiuto ai suoi obblighi». Per il futuro, assicura, il governo sarà «molto più rigoroso del passato nel valutare le clausole» dei contratti di concessione, inclusi i controlli. Nell’immediato – e in attesa di strutturare nella legge di bilancio il capitolo infrastrutture – il Consiglio dei ministri approva un decreto che dispone lo stato di emergenza per 12 mesi nella città di Genova. «Altre risorse – promette Conte – arriveranno perchè quei soldi non sono assolutamente sufficienti». L’idea è anche quella di nominare un commissario ad hoc per la ricostruzione. Il giorno dei funerali delle vittime, ancora da definire, sarà una giornata di lutto nazionale. Il bilancio però, spiega il premier ringraziando i soccorritori, non è ancora definitivo: 39 morti accertati, tre dei quali sono bambini e decine di dispersi.