Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Ponte Genova: report ammorbiditi, 9 misure cautelari

Ponte Genova: report ammorbiditi, 9 misure cautelari

 

Nove misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta bis riguardanti i report “ammorbiditi” sulle condizioni dei viadotti gestiti da Autostrade. La guardia di finanza di Genova sta eseguendo le misure firmate dal giudice delle indagini preliminari Angela Nutini, chieste dal pubblico ministero Walter Cotugno. Eseguite anche misure interdittive.

L’inchiesta bis era partita dopo il crollo del ponte Morandi, avvenuto il 14 agosto 2018, e aveva portato all’iscrizione nel registro degli indagati di 15 persone tra dirigenti e tecnici di Aspi e Spea.

Le misure cautelari, tre arresti domiciliari e sei misure interdittive, riguardano i presunti falsi report sui viadotti Pecetti della A26, in Liguria, e il Paolillo della A16, in Puglia. In particolare, sono finiti ai domiciliari Massimiliano Giacobbi (Spea), Gianni Marrone (direzione VIII tronco) e Lucio Torricelli Ferretti (direzione VIII tronco). Le misure interdittive, sospensione dai pubblici servizi per 12 mesi, riguardano tecnici e funzionari di Spea e Aspi: Maurizio Ceneri; Andrea Indovino; Luigi Vastola; Gaetano Di Mundo; Francesco D’antona e Angelo Salcuni.

Secondo i militari del primo gruppo della Guardia di Finanza di Genova, il gruppo avrebbe ‘edulcorato’ le relazioni sullo stato dei viadotti controllati. Per l’accusa, in certi casi, i report erano quasi routinari e quindi non corrispondenti al vero stato dei viadotti. La circostanza era emersa nel corso degli interrogatori dei testimoni durante le indagini sul crollo di Ponte Morandi. In particolare i tecnici di Spea avevano raccontato agli inquirenti che i report “talvolta erano stati cambiati dopo le riunioni con il supervisore Maurizio Ceneri mentre in altri casi era stato Ceneri stesso a modificarli senza consultarsi con gli altri”.

I falsi report fatti anche dopo il crollo del ponte Morandi, secondo quanto ricostruito dai militari della guardia di finanza di Genova servivano a evitare anche limitazioni al traffico. Lo rivelano gli investigatori. I report falsificati erano finalizzati a nascondere agli ispettori del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti elementi rilevanti sulla condizione dei manufatti e il loro stato di conservazione – in occasioni di attività ispettive e nell’ambito della vigilanza ministeriale – che avrebbero comportato una verifica globale dell’opera ed altre misure precauzionali, come la limitazione del traffico ai mezzi pesanti o lavori più dispendiosi.

Oltre al Paolillo e al Pecetti, nel mirino degli investigatori erano finiti anche i report sul viadotto Moro, vicino Pescara, il Sei Luci e il Gargassa in Liguria e il Sarno sull’A30. Nell’inchiesta sui falsi report risultano indagati anche l’ad di Spea Antonino Galatà e Michele Donferri Mitelli, ex responsabile nazionale delle manutenzioni di Aspi trasferito ad altro incarico.

I viadotti Pecetti e Paolillo sono sicuri, afferma in una nota Autostrade per l’Italia. La società “conferma nuovamente la sicurezza di tali opere, dove gli interventi di manutenzione sono stati conclusi diversi mesi fa”. A scopo cautelativo era stata cambiata la sede dei due dipendenti interessati. Inoltre “si riserva di attivare ulteriori azioni a propria tutela”.

Il gip nell’ordinanza delle misure cautelari scrive che le condotte degli indagati sono “gravemente minatorie della sicurezza degli utenti della strada”. Dall’ordinanza emerge anche che gli indagati avrebbero usato jammer, il disturbatore di frequenze dei cellulari, per non farsi intercettare e che alcuni file sono stati cancellati. Ma anche che sono state fatte pressioni su chi redigeva le relazioni per scrivere il falso. Poi c’ il caso del viadotto Pecetti in cui il falso report sul viadotto Pecetti, in A26, sarebbe servito a garantire il passaggio di un trasporto eccezionale da 141 tonnellate. Ed emerge che il viadotto Paolillo era stato costruito in modo difforme dal progetto e quindi non era in grado di garantire la sicurezza

Atlantia a picco a Piazza Affari dopo che è emerso che la Guardia di Finanza ha emesso nove misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta bis riguardante i report “ammorbiditi” sulle condizioni dei viadotti gestiti da Autostrade. Il titolo, che è anche stato brevemente sospeso dalle contrattazioni, ha perso l’8% a 22,18 euro. Il cda di Atlantia ha deliberato “l’avvio immediato di un audit sui fatti emersi, da affidarsi a primaria società internazionale, finalizzato a verificare la corretta applicazione delle procedure aziendali da parte delle società e delle persone coinvolte”.

M5s, revoca concessioni ai Benetton è unica strada  – “Nemmeno il rispetto di 43 morti ha fermato la sete di profitto di questi approfittatori sociali. La giustizia farà il suo corso, ma la politica ha la responsabilità di garantire ai cittadini che episodi simili non accadano mai più. Chi ha causato la morte di 43 persone non può continuare a gestire le nostre strade! Il nostro imperativo è proseguire sul percorso tracciato dall’ex ministro Toninelli, ossia quello della revoca delle concessioni ai Benetton. Altra strada non c’è”. Si legge in un post sul blog delle Stelle e firmato dal viceministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri.

Autostrade: Aspi,stop aumenti pedaggi per altri 2 mesi – Autostrade per l’Italia sospende “ulteriormente, in via volontaria”, l’incremento tariffario relativo all’anno 2019 per altri due mesi. Lo comunica Aspi in una nota, spiegando che la decisione è stata presa dal Consiglio di Amministrazione “in considerazione degli inviti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.