Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Pistoia: nuovo blitz nel centro di Don Biancalani

Pistoia: nuovo blitz nel centro di Don Biancalani

Nel centro di accoglienza per migranti gestito da Don Biancalini c’è stato un nuovo blitz delle forze dell’ordine.

Il centro di accoglienza per migranti non trova pace. Prima a cusa di CasaPound e poi per le forze dell’ordine. Polizia, carabinieri, vigili urbani, guardia di finanza, Asl, ispettorato del lavoro e vigili del fuoco sono andati nella “Pizzeria del rifugiato” per fare dei controlli.

Durante i controlli sono stati esaminati i documenti dei migranti presenti, l’idoneità dei locali e la sicurezza. Biancalani in un post su Facebook ha definito tutto questo pazzesco.

L’ex senatore Vannino Chiti del Pd ha commentato il fatto con uno stato su Facebook: “In un paese retto da una Costituzione democratica, nata dalla Resistenza contro la dittatura fascista, sono inammissibili episodi come questo. Agenti di polizia, della guardia di finanza, vigili urbani sono intervenuti per schedare i partecipanti ad un incontro promosso dall’Assemblea antifascista e antirazzista permanente. È un fatto grave che colpisce i diritti di libertà sanciti dalla Costituzione.

Un atto contro le regole della democrazia e della convivenza. Chi l’ha ordinato? Chi si è preso la responsabilità di violare quei diritti? Prefetto, questore, comandante della guardia di finanza, sindaco devono dare risposte ai cittadini. In parlamento mi auguro che ne sia chiesto conto al ministro degli Interni. Sottovalutare atti grandi o minori che colpiscono i diritti fondamentali di democrazia e di libertà, sarebbe un tragico errore, già visto nella storia con le sofferenze e i lutti che ha provocato. Voglio sperare che nella difesa dei diritti fondamentali scritti nella Costituzione si ritrovi la grande maggioranza degli italiani.”