Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Piemonte e Liguria unite nel cibo per le famiglie di Genova

Piemonte e Liguria unite nel cibo per le famiglie di Genova

Durante la Fiera internazionale del Tartufo di Alba in Piemonte, sono stati raccolti fondi per le famiglie genovesi che soffrono per il crollo di ponte Morandi.

Domenica 14 ottobre era il secondo mesiversario del crollo del ponte Morandi. Una tragedia che ha sconvolto una città e l’intera penisola, e che ha raccolto gesti di solidarietà da tutta Italia. Una mano è stata tesa anche dai cittadini piemontesi, nello specifico durante la Fiera internazionale del Tartufo di Alba. Nel corso di una giornata-evento dedicata alla raccolta fondi, le specialità enogastronomiche liguri hanno trovato il loro posto nel contesto della Fiera piemontese. Tra le eccellenze della cucina della Liguria si potevano assaggiare la Spungata di Sarzana, un dolce cotto in forno, la torta salata di Riccò del Golfo di Spezia e, ovviamente, il pesto genovese.

L’iniziativa solidale è stata spiegata dall’eurodeputato Alberto Cirio, promotore dell’iniziativa. “La Fiera è una festa, ma quest’anno era importante che fosse innanzitutto un momento di solidarietà. Sono trascorsi esattamente due mesi dalla tragedia che ha colpito Genova e oggi il Piemonte con uno dei suoi prodotti simbolo, il Tartufo bianco d’Alba, scende in campo per raccogliere risorse a sostegno della Liguria e delle tante famiglie che a pochi chilometri da qui hanno perso la propria casa”.

Liliana Allena, Presidente dell’Ente Fiera, ha sottolineato che “nel nostro viaggio tra i saperi e i sapori da tutta la penisola per l’Anno del Cibo Italiano non poteva mancare la Regione Liguria, un territorio confinante dalla straordinaria ricchezza gastronomica. Sono particolarmente orgogliosa che il gemellaggio del gusto tra le eccellenze liguri e il Tuber magnatum Pico abbia trovato il modo di affiancarsi ad un’azione di solidarietà per Genova”.