Sei in: Home > Edizioni Locali > Otto chili di linee guida, ecco quanto pesa la giustizia a Roma

Otto chili di linee guida, ecco quanto pesa la giustizia a Roma

image_pdfimage_print

Galletti racconta il  peso del caos in tribunale

Pensate un ufficio giudiziario a caso: sappiate che quell’ufficio durante l’emergenza sanitaria ha emanato uno o più provvedimenti organizzativi o linee guida. Provvedimenti tutti differenti, spesso diversi anche fra le varie sezioni all’interno del medesimo Tribunale. E tutto questo intrico di provvedimenti organizzativi, messo su carta, solo a Roma, arriva a pesare 8 chili!

La denuncia – corredata di video esplicativo indirizzato al Ministro della  Giustizia Bonafede e al Presidente del Consiglio Conte, entrambi avvocati – arriva dal Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, Antonino Galletti. “Questo è ciò che devono affrontare oggi gli Avvocati per districarsi nel bailamme di provvedimenti, linee guida emanati dalle varie autorità giudiziarie della Capitale, una giungla para-normativa incredibile, spesso contraddittoria, indegna di un paese civile, dovuta alla disciplina legislativa che rimette alla discrezionalità del singolo ufficio il funzionamento della Giustizia, in mancanza di un qualsivoglia coordinamento efficace a monte dell’emergenza”.

Eppure da tempo il Consiglio dell’Ordine forense della Capitale, insieme a tutte le rappresentanze istituzionali della Avvocatura, a quelle politiche (OCF) ed associative (Camere Penali e Civili), ha lanciato l’allarme sul caos che rischiava di generarsi con la babele di provvedimenti organizzativi, facile previsione che si è poi puntualmente avverata.