Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ostia: ritirato lo spot con la battuta sulla testata

Ostia: ritirato lo spot con la battuta sulla testata

Dopo le polemiche, è stato ritirato lo spot che ironizza sulla testata che Spada diede a Piervincenzi.

In seguito alla polemica di ieri sullo spot in cui si faca riferimento alla testata di Spada a Piervincenzi, si è deciso di ritirare lo spot. Evidentemente, la battuta aveva superato i limiti consentiti dal buon gusto.

La presidente del Municipio X, Giuliana Di Pillo dei Cinque Stelle fa marcia indietro.

“Provvederemo gia’ da questa mattina a ritirare lo spot radiofonico sugli eventi estivi, che veniva trasmesso sulla metropolitana di Roma. Non era minimamente nelle nostre intenzioni ledere l’immagine del nostro territorio, in quanto e’ sotto gli occhi di tutti l’impegno di questa amministrazione nel rivalutarlo.”

Lo scopo iniziale era sdrammatizzare. Peccato che non sia piaciuto a nessuno, nanche a Virginia Raggi. “Non mi è piaciuto. Ma no alle strumentalizzazioni”.

Di Pillo è tornata a più miti ocnsigli e ha ribadito la solidarietà a Piervincenzi. “Solidarietà e vicinanza al giornalista di Nemo, Daniele Piervincenzi per il vile gesto di cui è stato vittima, solidarietà e vicinanza che oggi come amministrazione riconfermiamo.”

Durante la riunione del Municipio, ha commentato la situazione. “Se da una parte ci sono state critiche, ci sono stati anche apprezzamenti per quello spot. Quindi potrei dire: lo lascio perché c’è a chi piace. Ma poiché mi rendo conto che coloro a cui non è piaciuto si sono sentiti addirittura toccati e magari offesi, tra le due scelte ho deciso di tutelare coloro che si sentono offesi”.

“Il municipioha commissionato lo spot a Fabio Avaro e lui si è messo a disposizione praticamente gratis. Si è fatto pagare semplicemente la sala, le sue spese, per un costo di 700 euro iva compresa. Io l’ho vista come una satira. Ma comunque è stato interrotto. Ho tolto lo spot però comunque tutta questa attenzione sugli eventi che ci sono stati e ci sono in questa città non c’è e di questo mi dispiaccio”.