ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 1 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Oscurati 17 canali telegram utilizzati per la vendita di banconote contraffatte

Comando Provinciale Ancona

Video

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Falconara Marittima (An), nelle scorse settimane hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Ancona, con il quale è stato disposto l’oscuramento di 17 canali presenti sull’applicazione di messaggistica istantanea “Telegram”, ove venivano poste in vendita ingenti quantità di banconote contraffatte.

Il provvedimento è stato adottato all’esito di una complessa indagine condotta dalle Fiamme Gialle falconaresi e coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona, a seguito di un monitoraggio dei canali presenti sulla predetta applicazione di messaggistica, che ha permesso di individuare diciassette diversi canali con oltre 430.000 iscritti complessivi, nei quali venivano pubblicati numerosi annunci di vendita di banconote false in euro, sterline e dollari americani, corredati da relative foto di dettaglio.

Nelle varie inserzioni individuate, veniva garantita la qualità delle banconote proposte che, come pubblicizzato, erano prodotte in carta di puro cotone, con filigrana, ologrammi metallici e striscia di sicurezza, così da aggirare potenzialmente i vari test rilevatori di banconote false, come quelli a luce ultravioletta (UV) o le apposite penne anticontraffazione. I prezzi di vendita erano commisurati all’ammontare complessivo di banconote ordinate, con un listino che partiva da un pacchetto di 1.000 euro di banconote contraffatte al costo di 100, fino ad arrivare a lotti di 35.000 euro al prezzo di 2.000.

Il sistema criminale in questione operava, quindi, sfruttando sistematicamente le potenzialità del servizio di messaggistica, trasmettendo direttamente le informazioni e le proposte di vendita ad un’ampia platea di utenti.

I potenziali acquirenti potevano, così, visionare il prodotto attraverso i diversi video e foto pubblicati sui canali in questione, apprezzandone le caratteristiche qualitative, a loro volta garantite da livelli di fedeltà all’originale, con la definizione di diversi codici di classe.

Al fine di garantire l’anonimato sia del venditore che dell’acquirente, le banconote erano acquistabili esclusivamente con pagamenti in criptovalute, e nelle stesse inserzioni, per agevolare eventuali utenti meno esperti, venivano fornite anche dettagliate informazioni circa le modalità di acquisizione di quest’ultime.

Tali condotte avrebbero favorito una immissione incontrollata di ingenti flussi di denaro contante contraffatto, a danno delle attività economiche e delle persone fisiche che, inconsapevolmente, avrebbero ricevuto denaro falso.

All’esito degli accertamenti condotti dai finanzieri, è stata proposta alla competente A.G. l’emissione di apposito decreto di sequestro, poi notificato alla società Telegram, con il quale si è proceduto all’oscuramento dei predetti canali e all’inibizione del loro utilizzo, impedendo, di fatto, la prosecuzione del reato di falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate, che prevede la pena della reclusione da tre a dodici anni e la multa da 516 a 3.098 euro.

L’operazione di servizio delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ancona, svolta sotto l’egida della Procura dorica, testimonia l’impegno operativo finalizzato a reprimere le condotte di falsificazione monetaria e di clonazione delle carte di credito e di debito, a tutela del risparmio, dell’integrità dei circuiti di pagamento e della buona fede dei singoli cittadini.