Breaking News Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Operazione Grande Raccordo Criminale: 51 arresti

Operazione Grande Raccordo Criminale: 51 arresti

Arrestate 51 persone nell’ambito dell’operazione della Guardia di Finanza Grande Raccordo Criminale.

Un grande raccordo che attraversava tutta la Capitale da Tor Bella Monaca, San Basilio, Tufello, Bufalotta, Colli Aniene, Borghesiana, il Tuscolano, la Romanina, Ostia e Primavalle sino ad arrivare a Frascati, Ardea ed Artena per vendere ogni tipo di droga.

Hashish, cocaina. Tutto ciò che i clienti volevano. Al vertice dell’organizzazione Fabrizio Piscitelli, l’ultras della Lazio ucciso in un’esecuzione al Parco degli Acquedotti a Roma e Fabrizio Fabietti.

Secondo quanto emerso dalle indagini, Piscitelli era molto amico di Michele Senese, detto o’Pazz. Il gruppo operava principalmente a Roma Nord.

Nell’organizzazione erano presenti dei picchiatori, assunti espressamente per il recupero crediti. Nell’elenco degli arrestati ci sono anche dei “compratori all’ingrosso” i fratelli Nicolas ed Emiliano Pasimovich (entrambi classe 1985), originari del Sudamerica ma residenti sul litorale pontino. I due sono tra i più affidabili acquirenti selezionati dal Fabietti, cui si aggiungono Adnan Ibrakovic (classe 1981), Stefano Piccioni (classe 1971), Paolo Salvemini (classe 1977), Stefano Coniglio (classe 1983), Adamo Castelli (classe 1967), Angelo Bartocci (classe 1963), Giuliano Cappoli (classe 1993), Abramo Di Guglielmo (classe 1980) e Sabatino Di Guglielmo (classe 1968) (questi ultimi due contigui al clan dei Casamonica) Roberto Montanaro (classe 1961) e Marco Tripodi (classe 1976).

La Guardia di Finanza, nel corso delle indagini svolte nel periodo febbraio-novembre 2018, ha ricostruito la compravendita di circa 250 chili di cocaina e 4.250 chili di hashish, per un valore complessivo stimato circa 120 milioni di euro.