Sei in: Home > Archivio > Omicidio Balestri, per Cagnoni chiesto ergastolo e isolamento

Omicidio Balestri, per Cagnoni chiesto ergastolo e isolamento

La donna è stata uccisa a bastonate il 16 settembre del 2016

RAVENNA – Si è celebrato oggi il processo ai danni di Matteo Cagnoni, accusato di aver ucciso la moglie Giulia Ballestri. Dopo quasi otto ore di requisitoria distribuite su due udienze, il Pm Cristina D’Aniello ha chiesto per l’imputato la pena dell’ergastolo più isolamento diurno per un anno.

La vicenda

Matteo Cagnoni, dermatologo 53enne è accusato dell’omicidio pluriaggravato – per premeditazione e crudeltà – della moglie, la 39enne Giulia Ballestri ammazzata a bastonate il 16 settembre del 2016 a Ravenna in una villa di famiglia da tempo disabitata. Oggi, come nella scorsa udienza di martedì, l’imputato non era presente in aula. Davanti alla Corte d’Assise ha poi parlato l’avvocato Giovanni Scudellari, parte civile per i familiari della defunta, quantificando in 4.150.000 euro il totale delle provvisionali a favore dei tre figli minori della coppia Ballestri-Cagnoni, dei genitori e del fratello della donna. A seguire hanno preso la parola le altre tre parti civili che hanno chiesto in totale oltre 200.000 euro. Lunedi’ sara’ la volta delle arringhe dei due avvocati difensori. Per venerdì 22 infine è attesa la sentenza.