Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Omicidio a Milano, 47enne resta in cella

Omicidio a Milano, 47enne resta in cella

 

Deve restare in carcere Attia Henns, il 47enne fermato martedì con l’accusa di avere ucciso a coltellate il connazionale egiziano e coinquilino, Milad Gerges, nella notte tra il 5 e il 6 agosto in un appartamento di viale Monza, a Milano. Lo ha deciso il gip di Milano Valerio Natale, che ha convalidato il fermo e disposto la misura della custodia cautelare in carcere. Henns, sentito questa mattina dal giudice durante l’udienza di convalida, ha deciso nuovamente di avvalersi della facoltà di non rispondere come aveva già fatto nelle scorse ore davanti al pm Francesco Ciardi. Il suo difensore, l’avvocato Pietro Gilberto Pennisi, sta valutando di chiedere al gip di disporre una perizia psichiatrica per valutare le sue condizioni di salute mentale. Nell’inchiesta, resta indagato per concorso in omicidio anche il nipote dell’uomo, un 36enne egiziano che era in casa (in totale c’erano sei persone) al momento del fatto.