Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ancona > Offese e scritte contro il questore Pignataro a Fabriano

Offese e scritte contro il questore Pignataro a Fabriano

Dal suo insediamento a Macerata, Pignataro si è impegnato particolarmente nel contrasto allo spaccio di droga

ANCONA – Nuove minacce e scritte offensive contro il questore di Macerata, Antonio Pignataro. Alcuni giorni fa sui muri dello storico palazzo del teatro comunale “Gentile da Fabriano sito nell’omonima cittadina marchigiana sono apparse numerose invettive e insulti contro l’autorità: offese come”assassino” e “fascio infame” sono state state tracciate, tra gli altri,

 

È comparso anche il disegno di forca con un uomo impiccato a testa in giù e le parole “Pigna merda”.

Le scritte sono state tutte rimosse e sono in corso indagini per individuare gli autori.

L’alto funzionario, dal suo insediamento a Macerata dopo la morte di Pamela Mastropietro, si è attivato in prima persona per contrastare e arginare lo spaccio di droga – recentemente ha disposto la chiusura di negozi di cannabis legale – e contro la criminalità organizzata. Un impegno che evidentemente infastidisce chi opera nell’illegalità e si guadagna da vivere con i proventi dello spaccio di sostanze stupefacenti e la malavita organizzata. Già in precedenza e a più riprese, erano apparse scritte offensivi con bombolette spray su muri e serrande di esercizi pubblici (le ultime nel dicembre scorso) anche in vari punti di Macerata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *