Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Perugia > Norcia, “Nuovo ospedale entro il 2023”

Norcia, “Nuovo ospedale entro il 2023”

Il sindaco di Norcia Alemanno ha incontrato la Presidente della Regione Umbria Tesei. Una spesa da 7 milioni per l’ospedale.

Si è parlato dell’ospedale di Norcia in un incontro che si è svolto a Palazzo Donini a Perugia, cui hanno preso parte la Presidente della Giunta Regionale, Donatella Tesei, il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e l’Assessore ai servizi sociali, Giuseppina Perla. Un tavolo cui hanno partecipato il commissario straordinario della USL Umbria 2, Massimo De Fino; il Direttore regionale al Governo e territorio, Alfiero Moretti; il dirigente del servizio Opere pubbliche, Stefano Guerrini; Luigi Rossetti, direttore Salute e Welfare della Regione, il RUP, Patrizia Macaluso e i dirigenti Luca Conti e Adele Lamoglie

“E’ stata presentata l’ipotesi di master plan sulla quale avevamo lungamente discusso, che prevede la ristrutturazione e il consolidamento della parte vecchia del monastero del ‘500 e l’ampliamento, a fianco, della parte nuova – dice il Sindaco Alemanno -. E’ un’ipotesi di lavoro che prevede una spesa di massima oggi stimata in circa 7 milioni di euro, oltre al milione della donazione del Kuwait di cui dispone il Comune di Norcia, per l’acquisto di attrezzature all’avanguardia”. Al Comune di Norcia è stata consegnata una bozza del protocollo di intesa e la situazione esigenziale del nosocomio nursino, in funzione e ragione delle previsioni del Piano Sanitario Regionale.

Nei prossimi giorni, ciascuna delle parti presenti al tavolo tecnico esaminerà la bozza di protocollo di intesa e saranno raccolte tutte le osservazioni per poter procedere alla stesura del progetto. Per quanto riguarda i tempi, i lavori saranno divisi in due fasi che dovrebbero completarsi entro il 2023. La prima fase riguarderà il restauro e il consolidamento della parte ‘vecchia’ dell’ospedale, per consentire quindi la realizzazione dell’ala nuova (fase 2). Questa gestione dei lavori consentirà di non interrompere alcun servizio. La Giunta Regionale dovrà pronunciarsi per dare il via alla firma del protocollo.