Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Mosca, con Usa speriamo per il meglio ma pronti al peggio

Mosca, con Usa speriamo per il meglio ma pronti al peggio

 

“Speriamo sempre per il meglio” nei rapporti con gli Usa “ma allo stesso tempo siamo sempre pronti per il peggio”: così il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitri Peskov, ha risposto a una domanda dei giornalisti su un possibile nuovo clima da guerra fredda tra Mosca e Washington, dopo le tensioni dei giorni scorsi che hanno portato al richiamo a Mosaca per consultazioni dell’ambasciatore russo negli Stati Uniti.
Peskov ha aggiunto che Putin vorrebbe discutere col suo omologo americano Joe Biden “dei temi relativi alle relazioni bilaterali, dei temi relativi al loro futuro e dei temi relativi alle costanti e infondate accuse lanciate contro la Russia in tutti i modi possibili”.
“Sono sicuro che parleremo ad un certo punto”, ha risposto Biden, che nei giorni scorsi in un’intervista alla Abc aveva risposto affermativamente alla domanda se considerasse Putin “un assassino”.
Peskov ha anche dichiarato che il Cremlino non condivide le dichiarazioni dell’Ue sulla responsabilità politica di Putin per i guai giudiziari dei leader dell’opposizione russa. Il principale rivale di Putin, Alexiei Navalny, è finito dietro le sbarre non appena è tornato in Russia da Berlino, dove è stato curato dopo un avvelenamento per il quale si sospettano i servizi segreti russi.

Intanto La Russia ha dispiegato tutti e sei i suoi sommergibili della Flotta del Mar Nero: lo riporta Ria Novosti citando il comandante della flotta, il vice ammiraglio Igor Osipov. Secondo il Moscow Times, il dispiegamento avviene mentre iniziano le esercitazioni Nato ‘Sea Shield 21’ nella zona. “Tutti i sommergibili della Flotta del Mar Nero stanno eseguendo i loro compiti al di fuori delle loro basi”, ha dichiarato Osipov.