Sei in: Home > Esteri > Americhe > Morte Perez, scontri fra manifestanti e polizia: 4 feriti

Morte Perez, scontri fra manifestanti e polizia: 4 feriti

L’assassinio di Oscar Perez causa ancora scontri fra manifestanti e polizia: 4 i feriti a Caracas.

Continuano le proteste nella capitale venezuelana per l’assassinio, a colpi di pistola, dell’ex poliziotto ribelle, nonché fermo oppositore di Nicolas Maduro, presidente della Repubblica Venezuelana dal 2013.

E’ di  almeno quattro persone ferite il bilancio degli scontri avvenuti a Caracas, scatenati durante una manifestazione per la morte di Perez. Il “nemico pubblico numero uno”, apostrofato così da Maduro, aveva fatto enorme presa sulla popolazione venezuelana. In lui, gli anti-chiavisti vedevano uno dei maggiori punti di riferimento della ribellione al governo.

I sostenitori di Perez si sono dati appuntamento davanti l’Università di Caracas per ricordare i caduti da aprile a Perez stesso. Maria Corina Manchado, leader del partito Soy Venezuela, ha affermato: “Siamo qui per rivendicare la forza dell’immensa maggioranza del nostro popolo. Nel suo nome non possiamo arrenderci, e non possiamo arrenderci per quelli che sono caduti”.

Secondo quanto riferito dai media locali, la polizia avrebbe caricato i manifestanti usando gas lacrimogeni per disperderli; nel corso della giornata, Manchado ha incitato i giovani scesi in piazza, inneggiando anche al sessantesimo anniversario della caduta del dittatore Marco Perez Jimenez: “Lasciate che gli eroi ci uniscano… A 60 anni del 23 gennaio (1958), i venezuelani oggi rendono omaggio ai nostri eroi. Per gli eroi di ieri, per gli eroi di oggi e per gli eroi del futuro. E’ lo stesso eroismo; è un’eredità ed è esperienza per il nostro presente”.

Ricordando le vittime del raid dello scorso 15 gennaio a El Junquito, la leader oppositrice ha ricordato che “gli eroi militari sono eroi che non hanno rispettato gli ordini incostituzionali del regime” e che “tutti noi stiamo dicendo che c’è un Venezuela che viene rivelato. Oggi il miglior tributo è la lotta, il miglior tributo è combattere senza sosta per sconfiggere questa tirannia. Qui quelli che non rimangono in silenzio sono eroi”.

Potrebbe interessarti anche...

Allarme Trump nella comunità LGBT

“Pence li vuole impiccare tutti” Battuta infelice di Trump sul vice presidente Pence e i …