Sei in: Home > Archivio > Morte Lucio Dalla – Il ricordo dei colleghi

Morte Lucio Dalla – Il ricordo dei colleghi

Da Omar Pedrini (ex Timoria) a Luca Carboni, da Antonello Venditti a Stefano D'Orazio (ex Pooh), il ricordo degli artisti che hanno conosciuto Lucio Dalla
image_pdfimage_print

Continuano i messaggi dei cantanti che hanno conosciuto Lucio Dalla, collaborando con lui o anche semplicemente di chi ascoltava le sue canzoni. Amici e colleghi ricordano il loro collega scomparso oggi. 

«L’ho incontrato e intervistato a Sanremo, sornione, si infervorava non appena si toccasse argomento a lui congeniale come l’arte. Una perdita per la cultura italiana.».

OMAR PEDRINI
 

«Muore un amico, un compagno di viaggio per tutti gli anni '70 e '80. Muore una parte importante di me».

ANTONELLO VENDITTI
 

«In questo momento non ho parole. Non so cosa dire. Un vuoto immenso. Lucio e' stato allo stesso tempo maestro e fratello. Un artista enorme che ha segnato in modo profondo e indelebile il nostro tempo!»

LUCA CARBONI

«Apprendo con profonda tristezza della scomparsa di un amico come Lucio. Era un grande artista, la sua ironia e la sua genialità ci mancheranno».

PINO DANIELE
 

«Ricordo Lucio nelle serate passate insieme a Bologna quando registravo il mio disco e ricordo il suo grande carisma e la genialità che venivano fuori sempre, anche durante una cena. Lucio è sempre e comunque “musica”, Lucio è sempre e comunque “parola”. Ciao Lucio».

ENZO AVITABILE
 

«Mi ricordo un ragazzino che aveva 23 anni esattamente come me, nel 1966 quando eravamo in tournèe insieme. Io e i Rokes eravamo numero 1 in classifica con “È La Pioggia Che Va” e quando Lucio (ancora poco conosciuto) ed io camminavamo per strada facevamo “l’articolo il”. Lui aveva la brutta abitudine di chiamarmi “scellino” e per tutta la vita mi ha sempre chiamato così e per tutta la vita io me lo ricorderò ventitreenne, ma straordinario anche allora».

SHEL SHAPIRO

 

«Caro Lucio, mi hai accompagnato a distanza dal Beat in poi, ti ammiravo per la tua genialità, per il tuo estro, per i tuoi eccessi e le tue pazzie, ma soprattutto per la tua arte che non conosceva recinti e riusciva a spiazzarmi e a stupirmi ad ogni nuova idea. Te ne sei andato come avresti voluto, tra un concerto appena finito ed un altro da incominciare e adesso che sei un angelo, come ci promettevi in una canzone, volerai zingaro libero e non starai nelle processioni o nelle scatole dei presepi, ma parlerai con Dio a modo tuo. Addio Lucio. Ti voglio bene».

STEFANO D’ORAZIO
 

«La sua voglia di bellezza non conosceva sosta o confine. Qualsiasi cosa toccasse diventava arte. Il suo mondo poetico non aveva schemi. La sua folle passione per la musica rendeva tutti parte d'un mondo che senza lui ha tanta meno luce».

NAZZARENO CARUSI