Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ministro russo commenta dichiarazioni Trump: “La Russia continuerà a considerare le Alture del Golan territorio siriano occupato”

Ministro russo commenta dichiarazioni Trump: “La Russia continuerà a considerare le Alture del Golan territorio siriano occupato”

Il portavoce del ministro, Zajárova, la considera “una violazione diretta delle decisioni delle Nazioni Unite”

 

 

Non si sono fatte attendere le reazioni alle dichiarazioni del Presidente degli USA, Donald Trump, in merito al riconoscimento della sovranità di Israele sulle alture del Golan. Il portavoce del Ministero degli Esteri della Federazione Russa, Maria Zajárova, ha sostenuto che cambiando lo “status” del territorio conteso bypassando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è una violazione diretta delle decisioni delle Nazioni Unite. La portavoce russa ha parlato della questione ‘calda’ durante un intervento alla stazione radio di Kommersant.

“La Russia adotta una posizione di principio sulla questione dell’adesione delle alture del Golan alla Repubblica araba siriana. Ciò è confermato dalla risoluzione 497 del 1981. La nostra valutazione della natura illegale della decisione di Israele di estendere la propria sovranità a Altos del Golán rimane invariato”, ha detto Zajárova “Cambiare lo status delle alture del Golan non ricorrendo al Consiglio di sicurezza è una violazione diretta delle decisioni delle Nazioni Unite”.

Le alture del Golan furono strappate da Israele alla Siria nella Guerra dei Sei Giorni del 1967, insieme alla Cisgiordania alla Giordania e alla Striscia di Gaza all’Egitto. Trump giovedì ha twittato: “è ora che gli Stati Uniti riconoscano pienamente la sovranità di Israele sulle alture del Golan, che hanno importanza strategica e sicurezza critica per lo Stato di Israele e per la stabilità regionale “.

Il Ministero degli Affari Esteri della Siria ha definito la dichiarazione degli USA “irresponsabile”, facendo capire che Washington non fa altro che esacerbare la situazione nella regione. Prima d’ora nei documenti ufficiali  la Casa Bianca si rivolgeva ai territori palestinesi e alle alture del Golan come zone “occupate”. Ora, nella relazione sui diritti umani in Israele e sulle alture del Golan, rilasciata questo 13 marzo da Mike Pompeo, Segretario di Stato americano, la solita descrizione dei territori “occupati dagli israeliani” è stata sostituita da “controllato dagli israeliani”.