Breaking News Streaming
Sei in: Home > Inchieste > Minetti e Bossi jr condannati nel processo “Rimborsopoli”

Minetti e Bossi jr condannati nel processo “Rimborsopoli”

Il Tribunale di Milano ha condannato Nicole Minetti e Renzo Bossi, figlio di Umberto Bossi, al carcere nell’ambito del processo “Rimborsopoli”.

Due anni e sei mesi a Renzo Bossi e un anno e otto mesi a Nicole Minetti. Questa la decisione dei giudici del Tribunale di Milano nell’ambito del processo sulla cosiddetta “Rimborsopoli” al Pirellone, che ha visto 57 persone imputate. Tra gli imputati, tutti ex consiglieri ed ex assessori della Regione Lombardia eccetto uno, figuravano anche l’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi Nicole Minetti, e il figlio di Umberto Bossi, Renzo Bossi detto il Trota. Entrambi sono stati ex consiglieri del Pdl e della Lega. La prima dovrà scontare un anno e otto mesi di carcere, il secondo due anni e sei mesi.

È stato condannato a un anno e otto mesi anche Massimiliano Romeo, attuale capogruppo della Lega al Senato, e ad un anno e sei mesi Angelo Ciocca, oggi eurodeputato del partito di Matteo Salvini. Nel complesso, 52 dei 57 imputati a processo sono stati condannati a pene che variano da un anno e 5 mesi, fino a quattro anni e 8 mesi. Stefano Maullu, attualmente europarlamentare di Forza Italia, è stato condannato a un anno e sei mesi. Per Romeo, Ciocca e Maullu la pena è stata sospesa ed è stata decisa la non menzione. Alessandro Colucci, deputato del gruppo misto, dovrà scontare due anni e due mesi. La pena maggiore, di quattro anni e otto mesi, è stata inflitta a Stefano Galli, ex capogruppo della pena in regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *