Sei in: Home / Articoli / Cronaca / Minaccia di usare il taser, poliziotto seda una rissa

Minaccia di usare il taser, poliziotto seda una rissa

Si hanno già i primi risultati dell’esperimento che prevede un taser in dotazione alle forze dell’ordine. Per sedare una rissa è bastata la minaccia.

Mercoledì sera, poco dopo le 20, un poliziotto ha sedato gli animi rissosi di tre uomini in piazza Duca d’Aosta, il piazzale antistante la stazione Centrale di Milano, minacciando di usare il taser. Dopo che, come previsto dalla procedura, il poliziotto ha avvertito che aveva attivato il taser ed era pronto a usarlo per calmare gli animi e riportare l’ordine, i tre uomini coinvolti si sono seduti per terra senza opporre alcuna resistenza. Si tratta del primo intervento da quando alcune unità delle forze dell’ordine sono state equipaggiate con un taser. La cosa straordinaria è proprio che sia stata sufficiente la minaccia per risolvere il problema, e così si è evitata una violenza senza ricorrere ad ulteriore violenza. Anche il Vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini si è complimentato per il gesto del poliziotto.

Dopo che al centralino della polizia sono arrivate le prime segnalazioni di una rissa in corso in piazza Duca d’Aosta, una volante è giunta sul luogo per riportare l’ordine. La prima pattuglia, però, ha subito richiesto l’intervento di una seconda squadra, che rientrava nel progetto della dotazione sperimentale dei taser. L’agente con la pistola elettrica non ha dovuto far altro che minacciarli di usarla contro di loro, che erano armati di catena e un corpo contundente non precisato, secondo quanto riportato dalla Questura di Milano. Gli uomini, che si sono fermati e hanno obbedito al poliziotto che era pronto a usare le maniere forti, sono due italiani di 33 e 40 anni e un cittadino di origini bulgare di 30 anni. Nei confronti dei tre rissosi non è stato disposto alcun provvedimento.

Check Also

Vendute 10mila card per entrare nel centro storico di Polignano nonostante polemiche

Il provvedimento è stato aspramente criticato da visitatori e associazioni di categoria BARI – Oltre …