Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Milano, venditore ambulante aggredisce i poliziotti

Milano, venditore ambulante aggredisce i poliziotti

Un venditore ambulante è stato fermato mentre vendeva borse dal marchio contraffatto in via Dante. Ha reagito aggredendo gli agenti con calci e pugni.

Gli agenti dell’unità Antiabusivismo della Polizia Locale di Milano sono stati aggrediti in via Dante da un venditore ambulante, posto in stato di fermo perché vendeva borse contraffatte. I poliziotti hanno fermato l’uomo, di origini senegalesi, perché cercava di vendere delle borse dal marchio contraffatto. Per sfuggire alle forze dell’ordine, l’uomo ha aggredito i poliziotti prendendoli a calci, pugni e morsi. È stato perciò arrestato con l’accusa di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Uno degli agenti aggrediti ha riportato una prognosi di 15 giorni.

I poliziotti dell’unità Antiabusivismo erano in servizio nella zona commerciale Duomo-Castello Sforzesco. Nel corso della giornata c’erano già stati diversi episodi di sequestri di merce abusiva, specialmente nei pressi del castello e a piazza Cairoli. Successivamente, a seguito di diverse segnalazioni della presenza di venditori abusivi, si sono spostati in via Dante. Lì hanno trovato il venditore senegalese, di 33 anni, all’incrocio tra via Dante e via San Prospero. Fermato dalla polizia, l’uomo si è scagliato contro gli agenti tirando calci, pugni e perfino morsi. Successivi controlli hanno portato a scoprire che l’uomo aveva già dei precedenti per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Lascia un commento