Sei in: Home / Articoli / Cronaca / Marchi contraffatti, operai in nero: due opifici sequestrati

Marchi contraffatti, operai in nero: due opifici sequestrati

Due opifici a Boscoreale e Poggiomarino producevano indumenti dai marchi contraffatti, facendo lavorare immigrati irregolari in nero: sequestrate le strutture.

I militari della Guardia di Finanza del gruppo di Torre Annunziata hanno scoperto due strutture in cui venivano prodotti capi d’abbigliamento a cui venivano apposti i marchi contraffatti di note case di moda italiane. Oltre alla contraffazione, i titolari degli opifici ubicati a Boscoreale e Poggiomarino, nel napoletano, impiegavano 17 cittadini extracomunitari senza alcun contratto di lavoro regolare. Due dei lavoratori in nero erano persino sprovvisti di un regolare permesso di soggiorno. Così le squadre delle fiamme gialle hanno posto sotto sequestro entrambe le strutture e denunciato all’autorità giudiziaria i due gestori per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Per quanto riguarda i due lavoratori privi di permesso, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per soggiorno illegale sul territorio nazionale.

A seguito dei controlli sugli edifici sequestrati, sono emerse ulteriori irregolarità nella gestione. I militari hanno riscontrato numerose violazioni in merito alle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e persino inosservanza delle norme sulla tutela dell’ambiente. Per finire, nell’opificio di Boscoreale il contatore dell’energia elettrica era stato manomesso, tanto che il titolare aveva risparmiato in maniera fraudolenta quasi 40mila euro.

Check Also

Vendute 10mila card per entrare nel centro storico di Polignano nonostante polemiche

Il provvedimento è stato aspramente criticato da visitatori e associazioni di categoria BARI – Oltre …