Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Maltempo in Friuli, allerta rossa a Pordenone: convocato il comitato di crisi

Maltempo in Friuli, allerta rossa a Pordenone: convocato il comitato di crisi

Alle 18.30 di sabato 16 novembre si è radunato il comitato di crisi per il maltempo in FVG presso il Centro operativo della Protezione civile di Palmanova.

Il vicegovernatore del FVG con delega alla Protezione civile Riccardo Riccardi ha recentemente annunciato che i modelli previsionali prospettano un aggravamento della situazione meteo sulla Zona A della regione per rischio idrogeologico, e perciò alle 14 di oggi è stata emesse l’allerta meteo rossa a Pordenone. Per questo motivo oggi alle ore 18.30 è stato convocato, nel Centro operativo della Protezione civile di Palmanova, il Comitato di crisi che sarà presieduto dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e dal vicegovernatore Riccardi.

La Protezione civile è mobilitata con i tecnici e i volontari dei Gruppi comunali per fronteggiare le eventuali situazioni di crisi. Riccardi ha effettuato stamattina un sopralluogo in elicottero sulle aree colpite dal maltempo e su quelle minacciate dalle condizioni meteo previste per le prossime ore. “Complessivamente la situazione è sotto controllo, ma il monitoraggio continua minuto per minuto” ha assicurato Riccardi al termine del sorvolo con l’elicottero della Protezione civile decollato stamattina alle 8.00 dalla sede centrale di Palmanova.

“Abbiamo sorvolato tutta la costa e osservato che ci sono state delle esondazioni, ma nel complesso la situazione è stabile” ha riferito il vicegovernatore, precisando che “le maggiori criticità riguardano il Meduna e la zona a sud di Pordenone”. Quanto alle condizioni meteo generali ci si attende un paio di giorni di tregua ed una successiva ripresa delle precipitazioni. “Speriamo che la pioggia non apra ulteriori fronti di emergenza, anche se ciò che ci preoccupa maggiormente è il previsto innalzamento delle temperature con gli effetti che ciò comporterà sullo scioglimento della neve, scaricando ulteriore acqua sui corsi già pieni” ha riferito ancora Riccardi.