ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
sabato 2 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Mafia nigeriana: scontro tra gruppi a Reggio Emilia, 10 misure

 

Una guerra tra due diversi gruppi di mafia nigeriana è al centro di un’operazione della squadra mobile della Polizia di Reggio Emilia, che ha eseguito 10 misure cautelari e 15 perquisizioni a carico di 25 persone, accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso, e altri reati aggravati dal metodo mafioso: risse, lesioni, rapine.

L’indagine, coordinata dalla Dda di Bologna, ha ricostruito la presenza e operatività a Reggio Emilia della mafia nigeriana dal 2015 e una serie di episodi il cui movente era da attribuire a contrasti tra le fazioni o ‘cults’.

Ad esempio nel 2015 una violenta rissa scoppiata all’esterno della stazione ferroviaria reggiana e, in successione, altri fatti violenti che hanno suscitato allarme sociale, nel complesso industriale dismesso delle ex officine Reggiane.
Gli indagati sono accusati di appartenere a due ‘cults’, diretta promanazione delle confraternite in Nigeria: ‘Supreme Vikings Confraternity’ e ‘National Association of Air Lords’, conosciuta anche come ‘Supreme Eiye Confraternity’.
“L’impegno nella lotta alla criminalità organizzata da parte della Polizia di Stato, con il puntuale coordinamento della Dda della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna, è improntato, in provincia di Reggio Emilia, a una costante e metodica opera di analisi e contrasto, che non trascura nuove insidie e, quindi, nuove sfide investigative”, commenta il questore Giuseppe Ferrari secondo cui l’operazione “al di là delle responsabilità individuali che andranno accertate nelle sedi opportune, testimonia uno sforzo, sempre teso a ‘leggere’ il contesto criminale emergente dal territorio.