Streaming
Sei in: Home > Articoli > Politica > M5S Basilicata, il programma di Bardi è “fiacco e senza entusiasmo”

M5S Basilicata, il programma di Bardi è “fiacco e senza entusiasmo”

I consiglieri regionali del Movimento 5 stelle Perrino, Leggieri e Giorgetti commentano le linee programmatiche del governatore Bardi.

L’opposizione del Movimento 5 Stelle in Basilicata è cominciata immediatamente, già in merito alle linee programmatiche del neo-insediato governo regionale. Mercoledì 29 maggio il governatore lucano Vito Bardi ha presentato la sua relazione programmatica all’assemblea regionale, e i tre esponenti del M5S Giovanni Perrino, Gianni Leggieri e Gino Giorgetti storcono il naso fin da subito: “puzza di vecchio questo presunto cambiamento”. Il discorso sulle linee programmatiche viene giudicato “fiacco e senza entusiasmo”. Al centro della polemica c’è la questione ambientale, poco attenta alla sostenibilità e alle opportunità per le nuove generazioni. “È sbagliato, anche economicamente, considerare il petrolio una risorsa. I costi sociali e ambientali delle estrazioni sono insostenibili per le presenti e future generazioni di lucani. Ma Bardi si è guardato bene dal far riferimento agli evidenti scempi che hanno distrutto in maniera irreversibile parti del nostro meraviglioso territorio”, scrivono i pentastellati.

“Ci spieghi Bardi come intende fronteggiare la gestione dei rifiuti”, incalzano dall’opposizione. “Per noi ‘Zero rifiuti’ significa economia circolare: superamento della plastica e dei rifiuti non riciclabili o riutilizzabili, quindi, progressiva riduzione dei rifiuti”. Altre critiche in merito a infrastrutture (“Bardi ha omesso di fare riferimento agli annosi nodi irrisolti per i quali sono già stati stanziati ingenti finanziamenti. Nessun riferimento al corridoio Murgia – Pollino”) e sanità (“sono tanti e tali gli aspetti sui quali occorre fare finalmente chiarezza, che mancano del tutto nelle linee programmatiche esplicitate ieri da Bardi”). In conclusione, i consiglieri 5S paventano l’idea che la richiesta di cambiamento non si sia realizzata con l’elezione di Bardi. “A tratti i proclami del neo governatore si sono sovrapposti a quelli del suo predecessore”; “i cittadini lucani hanno chiesto discontinuità dal ‘Sistema’ che ci ha portato in Basilicata a questa situazione di stallo e di continuo spopolamento. Speriamo non si riveli una mutazione in peggio, per quanto ci venga difficile immaginarlo”.