Sei in: Home > Edizioni Locali > Lo smemorato di Lajatico aveva finto di perdere la memoria

Lo smemorato di Lajatico aveva finto di perdere la memoria

L’imprenditore socmparso a Lajatico e poi ritrovato a Edimburgo senza memoria avrebbe inventato ogni cosa per sfuggire dall’oppressiva situazione familiare.

L’imprenditore di Lajatico Salvatore Mannino avrebbe finto di predere la memoria. Una mattina, l’uomo di 52 aveva accompagnato come al solito i figli a scuola per poi far perdere ogni traccia. La sua auto era stata ritrovata in una strada traficata a Pisa.

A casa, la moglie aveva ritrovato una vlaigetta con dentro 10.500 euro e un messaggio cifrato. Il figlio maggiore dell’imprenditore era riuscito a decriptare il messaggio. Era per la moglie: “Perdonami se puoi”.

Qualche giorno dopo, Mannino era stato ritrovato a Edimburgo. Portato subito in ospedale non parlava una singola parola di italiano, solo un inglese elementare. I medici e le forze dell’ordine hanno impiegato molto tempo ad identificarlo.

Poi finalmente hanno chiamato la moglie che è salita sul primo aereo per la Scozia. Una volta tornato in Italia, Mannino è stato tenuto sotto osservazione per motlo tempo. Fino a quando non ha vuotato il sacco. Ha confessato agli psichiatri di aver finto sin dall’inizio.

Ma perché sarebbe scappato fino in Scozia? «Per dimostrare alla famiglia come sono importante». Dopo questa confessione, i carabinieri hanno denunciato Mannino per simulazione di reato e abbandono di minori. Adesso è stata aperta un’indagine per capire se ci siano anche altri motivi.