Sei in: Home > Articoli > Economia > L’economia di Pordenone traina il Friuli-Venezia Giulia

L’economia di Pordenone traina il Friuli-Venezia Giulia

Secondo quanto emerso dallo studio “Pordenone e le sfide economico-infrastrutturali dei prossimi anni”, la città ha un ruolo centrale nella Regione.

Il Comune di Pordenone è il protagonista dello studio “Pordenone e le sfide economico-infrastrutturali dei prossimi anni”, che verrà presentato ufficialmente durante il convegno “Connettere Pordenone all’Europa – Infrastrutture leva strategica di competitività e di nuovo sviluppo”, in programma per venerdì 14 dicembre nella Sala Convegni Unindustria, a partire dalle 17:45. Uno degli obiettivi del convegno è proprio quello di “presentare uno studio che rappresenti, con evidenze numeriche, lo stato delle infrastrutture della provincia di Pordenone e della Regione FVG in relazione alla dimensione, alle caratteristiche ed ai fabbisogni del tessuto industriale nonché agli sviluppi dei principali assi infrastrutturali nazionali e internazionali (ferrovie, autostrade, porti e interporti, banda larga e banda ultra larga)”.

Dai dati della ricerca che sono stati diffusi anticipatamente oggi, emerge che la città ha un ruolo centrale nelle politiche economiche della sua regione, il Friuli-Venezia Giulia. Pordenone infatti cresce i numerosi indicatori, soprattutto quelli relativi al peso demografico. Dal 1991 ad oggi, il peso demografico della Destra Tagliamento è aumentato sistematicamente, passando dal 22,9% del totale regionale al 25,6%. La città, poi, si dimostra la zona con la più alta percentuale di giovani, il 13,5%, rispetto ad una media regionale che si ferma la 12,2%. Anche per quanto riguarda il lato produttivo, Pordenone spicca. A realtà pordenonese, infatti, si distingue per l’ampia presenza di aziende medio-grandi, specialmente nel campo manifatturiero. Il 26% delle unità locali di industria e servizi, considerate nel loro insieme, si trovano proprio nel Pordenonese.

image_pdfimage_print

Lascia un commento