Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Cultura > Le università di Udine e Trieste lavorano con il Mit di Boston

Le università di Udine e Trieste lavorano con il Mit di Boston

Nel 2017 è partita quest’iniziativa di durata triennale, che prevede progetti di collaborazione tra le Università di Udine e Trieste, la Sissa e il Mit.

Si è tenuto oggi, martedì 22 gennaio, l’incontro di presentazione dei progetti avviati nell’ambito del programma che vede la collaborazione internazionale delle università di Udine e Trieste, la Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) e il Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston. L’iniziativa, di durata triennale, è iniziata nel 2017; è finanziata dalla Regione Friuli-Venezia Giulia con 150mila euro, utilizzati per realizzare progetti presentati dai ricercatori delle tre università italiane e poi selezionati dai revisori del Mit. L’obiettivo del progetto di collaborazione internazionale è quello di promuovere e facilitare lo scambio di conoscenze, valorizzando il sistema di ricerca regionale. è perciò fondamentale la collaborazione integrata fra gruppi di ricerca, che sottolinea l’internazionalità dell’innovazione e della cooperazione scientifica.

Durante l’odierno incontro di presentazione, i saluti del governatore Massimiliano Fedriga sono stati pronunciati da Riccardo Riccardi, il vicegovernatore del Friuli-Venezia Giulia. “Consolidare questo programma significa promuovere il sistema scientifico, favorire il trasferimento tecnologico per le nostre aziende ma anche l’istruzione, la formazione professionale e le opportunità di occupazione, rafforzando al contempo le relazioni con gli Stati Uniti e valorizzando le eccellenze regionali inserendole in una rete globale”. I progetti di ricerca presentati nell’ambito del programma sono la riprova che l’accordo di collaborazione “debba essere considerato un caso di eccellenza, un fiore all’occhiello per la nostra Regione e, soprattutto, per chi lavora nelle università, nei centri di ricerca e nelle scuole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *