ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
giovedì 19 Maggio 2022
03:59

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Le storie di volo di Roberto Papaverone: “Io, l’Aero Club e i compagni perduti”

Roberto Papaverone Aero Club Latina

La presidenza dell’Aero Club di Latina, l’amore per il volo e le perdite dolorose. Il nostro Direttore Roberto Papaverone sa cosa significa volare alto, e ripercorre, tra nostalgia e commozione, la sua esperienza nel campo dell’aviazione.

“Librarsi in aria riempie come nessun’altra cosa. Da lassù tutto sembra più chiaro, fuori e dentro di noi. Ogni cosa da lassù, sembra trovare un senso, più autentico, più alto e più profondo”. Il nostro Direttore Roberto Papaverone, quasi si commuove. Sono passati molti anni da quando suo zio maresciallo gli trasmise la passione per il volo. Una passione che poi è stata alimentata in molti modi.

Durante la sua vita, Papaverone è stato tante cose. È stato imprenditore, presidente del Latina Calcio, uomo politico, ma forse nessuna tra queste esperienze gli ha donato le stesse emozioni dell’aviazione.

Negli anni ’90, Papaverone è stato il presidente dell’Aero Club di Latina, storico centro d’aviazione pontino, che ancora oggi resta attivo e presente sui cieli laziali e non solo. “Nei miei anni di presidenza abbiamo organizzato varie manifestazioni, ma quella che mi riempie più d’orgoglio e che rivivo con maggior affetto avvenne a Latina e vide l’emissione di tre pattuglie acrobatiche nazionali, quella italiana, quella spagnola e quella francese – ricorda Papaverone -. Fu un evento incredibile che riuscii ad organizzare miracolosamente. C’erano più di 200 mila persone e ricordo che la folla ci mise 3-4 per tornare a casa. Ancora oggi pensarci mi emoziona”.

Il volo e Papaverone, Papaverone e il volo. Una storia d’amore, ricca di luci e soddisfazioni, ma anche di momenti difficili e perdite care: “Al tempo della mia presidenza all’Aero Club, purtroppo perdemmo un paracadutista. Ricordo che lo vidi scendere inerme e quando arrivò a terra ci accorgemmo che non c’era più niente da fare. Quando morì mi sentii morire anche io. E sapevo che ce ne sarebbero stati altri. Il volo da emozioni senza eguali, ma gli incidenti purtroppo accadono. È un fatto che bisogna accettare”.

Ancor più difficile da accettare per Papaverone fu la perdita di due compagni di corso d’aviazione, scomparsi anch’essi a seguito di incidenti aerei: “Da giovane presi il brevetto di pilota privato e con me c’erano anche Elio Ianiri e Antonio Belcastro, due cari amici – racconta il nostro Direttore -. Qualche anno dopo morirono in volo a seguito di circostanze assurde. Ianiri stava volando basso, a pochi metri dalla sua casa in costruzione. Un’ala toccò la cima di un albero e l’aereo andò a sbattere sui nastri della dimora che stava costruendo. Per me fu terribile e ci misi molto a riprendermi. Sia Elio che Antonio, erano persone incredibili, piene di vita ed energia, la loro esistenza fu un vero inno alla vita”.

Esecuzioni Immobiliari

Visualizza tutte le vendite giudiziarie pubblicate su ogginotizie.it di:

Servizio Bancomat Internazionale

Assistenza Tecnica Installazione ATM

A Sostegno del Paese

Le Tre Storie Capitali

a cura di

Sondaggi

Opinioni

Dai un voto

Dai un'opinione

Effettua una ricerca

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Meteo

Oroscopo

Mercati Finanziari

Offerto da Investing.com

Sosteniamo...

L'angolo delle rimembranze...