Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Lavoro: a rischio i bigliettai nei musei

Lavoro: a rischio i bigliettai nei musei

Consip ha assegnato dei fondi per bandire un concorso per lavorare al Museo dell’Accademia, ma qualcosa non torna.

Beppe Martelli di Filca-Cgil ha spiegato che: “Sono stati stanziati 311.000 euro, che non sarebbero sufficienti a garantire le retribuzioni ai livelli attuali dei 14 dipendenti della società Opera che svolge il servizio.

Fatta una proiezione su analoghi bandi attesi per gli Uffizi, Palazzo Pitti e Museo di San Marco, se lo standard dei finanziamenti dovesse confermarsi essere questo, Opera sarebbe costretta a tagliare del 30% i suoi 300 occupati o le retribuzioni degli attuali dipendenti impiegati nei servizi museali a Firenze”.

I soldi stanziati non sarebbero dunque abbastanza per garantire uno stipendio giusto ai lavoratori. Per questo motivo, i lavoratori hanno deciso di protestare.

Riccardo Pollastri, altro esponente della Cgil-Filcam ha dichiarato che: “Abbiamo avuto contatti con l’amministrazione comunale e al presidio è intervenuto l’assessore al Lavoro Gianassi facendosi portavoce del sindaco Nardella e dicendosi al nostro fianco in questa battaglia. Ci facciamo forza anche di un documento che nel 2015 fu siglato con l’allora ministro Franceschini che raccomandava a Consip di inserire nel bando di gara un’apposita clausola sociale che tenesse conto sia dei livelli occupazionali, ma anche retributivi e questo non è avvenuto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *