Sei in: Home > Rubriche > L'Avvocato risponde > L’antitrust in Italia

L’antitrust in Italia

Dopo un lungo e articolato dibattito parlamentare è stata approvata, il 10 ottobre 1990, la legge n. 287 “Norme a tutela della concorrenza e del mercato”, che ha introdotto in Italia una disciplina antitrust che sostanzialmente riproduceva quella europea e istituiva un’apposita autorità amministrativa indipendente: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM). Si tratta di un organo indipendente e collegiale, composto da un Presidente e tre Commissari nominati dai Presidenti di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica. Il loro mandato ha durata settennale e non è rinnovabile. I membri dell’AGCM, nel corso del mandato, non possono esercitare alcuna attività professionale o di consulenza. Le decisioni dell’AGCM sono soggette esclusivamente al controllo del giudice amministrativo e, nello specifico, del Tribunale Regionale Amministrativo del Lazio, in primo grado, e del Consiglio di Stato, in secondo. Tra i compiti dell’AGCM vi è quello di tutelare la concorrenza, il consumatore attraverso la repressione delle pratiche commerciali scorrette e il controllo delle clausole vessatorie nei contratti standard. Compito dell’AGCM è, inoltre, quello di sanzionare la pubblicità ingannevole e comparativa illecita e vigilare sul conflitto d’interesse. Il procedimento istruttorio in materia antitrust inizia con l’attivazione dell’AGCM a seguito di una denuncia di parte, di un’azione d’ufficio o, per le concentrazioni, di una comunicazione preventiva. All’attivazione dell’AGCM seguono tre fasi: la fase preistruttoria, che può portare all’archiviazione o all’avvio della fase istruttoria, la fase istruttoria e la fase decisoria.

Potrebbe interessarti anche...

Diritto del figlio alla vicinanza del padre, anche se irregolare sul territorio

La Corte di Cassazione ha stabilito un principio destinato ad affermarsi nelle aule dei tribunali …