Sei in: Home / Edizioni Locali / Lanciano, tre arresti per la rapina in villa Martelli

Lanciano, tre arresti per la rapina in villa Martelli

Arrestati i primi tre malviventi; stavano per partire

Nella notte del 23 Settembre, Carlo Martelli, chirurgo cardiovascolare in pensione e fondatore dell’associazione Anfass, Nina Bazzan, sua moglie, alla quale è stato mutilato il lobo dell’orecchio destro, e il figlio disabile, rimasto illeso, sono state vittime dell’assalto da parte di quattro banditi.

Incappucciati, sono entrati in casa, hanno legato i coniugi e li hanno picchiati facendosi consegnare bancomat e carte di credito.

La svolta decisiva per i Carabinieri e per la Polizia di Lanciano, per scovare i malviventi, è arrivata ieri sera grazie alla raccolta della testimonianza del commerciante Massimiliano Delle Vigne vittima nei mesi scorsi, della stessa banda.

L’uomo ha descritto il pestaggio subito nella sua villa a Santa Maria Imbaro (alle porte di Lanciano), ricordando che uno dei malviventi sembrava essere pugliese mentre gli altri dell’Est Europa.

Troppe analogie tra le due rapine.

Le Forze dell’Ordine, nella giornata odierna, hanno effettuato i primi tre arresti. Gli uomini in questione sono tre romeni che stavano per partire con la macchina utilizzata per la rapina a villa Martelli.

E’ stata sequestrata una Golf nera, speronata dai Carabinieri sul lato del guidatore, durante un inseguimento conclusosi in località Costa di Chieti. I romeni avevano addosso un totale di 3400 euro.

L’indagine però non è terminata. E’ in corso un’operazione per arrestare altri malviventi possibilmente coinvolti.

Decine di uomini, tra poliziotti e carabinieri, hanno circondato una palazzina in corso Roma, in cui vive un’altra famiglia romena, che grazie a riscontri investigativi raggiunti durante la nottata, potrebbe avere a che fare con la vicenda.

Sull’argomento si è espresso anche il Ministro Salvini su twitter: “Coniugi massacrati a Lanciano, in manette tre rumeni che stavano fuggendo con i soldi rubati. Grazie alle nostre Forze dell’Ordine, queste bestie devono marcire in galera! #tolleranzazero”.

 

 

 

 

Check Also

Potenza- ventiduenne arrestato per atti persecutori

Atti persecutori e danneggiamento seguito da incendio, queste le accuse rivolte ad un giovane ventiduenne …