Breaking News Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > LaChapelle per Lavazza trionfa a Venezia

LaChapelle per Lavazza trionfa a Venezia

LaChapelle trionfa con la sua ultima collaborazione con Lavazza.

Donne-divinità immerse nella natura prepotente delle Hawaii, immagini mitologiche dai colori pop, oceani che restituiscono le suggestioni di un mondo incontaminato. Sono le immagini firmate da David LaChapelle che Lavazza ha raccolto nel calendario 2020 ‘Earth CelebrAction’ presentato oggi a Venezia.

Il progetto racchiude la volontà di celebrare il potere della bellezza insieme all’idea dell’azione, al convincimento che l’essere umano può agire in prima persona in difesa dell’ambiente.

LaChapelle utilizza le Hawaii per mettere in scena un racconto simbolico, dove gli elementi primari di fuoco, acqua, terra e aria si combinano alla presenza dell’uomo, inserito in scenari naturali che celebrano la bellezza della vita e la consapevolezza della reciprocità di tutte le cose viventi.

‘Earth CelebrAction’ porta con se’ l’idea di aprirsi alla terra, in una ideale riconnessione ottimistica, idilliaca, capace di guardare oltre l’emergenza ambientale.

“Ho cercato di rendere la magia della natura – spiega il fotografo, – con immagini di fantasia per creare una sorta di storybook, un modo ideale e spirituale dove non incombe il problema del cambiamento climatico e dello sfruttamento delle risorse”. Il calendario, giunto alla 28/a edizione, “è un grido d’allarme sullo sfruttamento della terra – sottolinea Francesca Lavazza, membro del board Lavazza – e insieme la celebrazione gioiosa e positiva di quanto la natura possa ancora essere una via di fuga, un veicolo di positività e gioia”. L’edizione 2020, è come in passato, dalla collaborazione con Helmut Newton in poi, “un modo per esplorare la società in cui viviamo partendo dal caffè, luogo dove nascono le relazioni tra le persone. Così come la terra è luogo e madre, nello stesso modo anche noi dobbiamo proteggere questo pianeta e prenderci cura di questa società umana che lo abita”.