Sei in: Home > Edizione Nazionale > La proprietà è un furto(si ma di stato)

La proprietà è un furto(si ma di stato)

Si fa sempre più insistente il rischio di una
patrimoniale per rimpinguare le casse dello Stato.
Dico subito che se davvero dovesse verificarsi una
tale ipotesi sarebbe una vera e propria porcata e vi
spiego perché
La patrimoniale è un prelievo che può colpire
soprattutto i nostri conti e depositi bancari e le nostre
case, o entrambi.
Esaminiamo qui gli effetti di un’eventuale patrimoniale
sulla casa.
Facciamo un esempio per capire meglio
Poniamo che i coniugi Rossi, impiegati, abbiano
acquistato 30 anni fa una casa per 200.000 euro
(valuta attuale). Disponendo solo di 100.000 euro
frutto del risparmio del proprio lavoro, poniamo che i
coniugi abbiano contratto un mutuo bancario di altri
100.000 da pagare in 20 anni, garantiti da ipoteca
sulla casa stessa.
Poniamo anche che dopo 30 anni dall’acquisto i
coniugi Rossi abbiano donato la casa al figlio che oggi,
diventato proprietario, potrebbe essere chiamato a
pagare l’imposta patrimoniale.
Domanda: quante imposte e tasse sono state versate
allo Stato per la proprietà di quella casa?
Sui primi 100.000 euro risparmiati dai coniugi Rossi lo
Stato ha certamente già prelevato in busta paga
almeno il 30% dello stipendio (al lordo delle imposte, si
precisa) e quindi almeno 35.000 euro. Per il notaio

che ha redatto i 3 atti (uno per l’acquisto, uno per il
mutuo e uno per la donazione al figlio) e per pagare
poi le imposte di registro, ipotecarie e catastali, ci sono
volute almeno altre 40.000 euro, perché la nostra non
è prima casa.
Per i 30 anni di possesso sono stati poi pagati altri
55.000 euro a titolo di IRPEF, IMU (ICI) e TASI.
Conclusione, su una casa del valore di 200.000 euro
lo Stato, ad oggi, ha già prelevato dalla famiglia Rossi
circa 130.000 euro.
A questo importo dovremmo però ancora aggiungere
le varie imposte pagate da chi ha costruito e poi
venduto la casa ai coniugi Rossi e per quanto tempo
l’ha posseduta.
Senza fare altri calcoli possiamo tranquillamente
affermare che lo Stato si è già presa tutta la casa.
Ed allora mi domando: come potrebbe
diversamente definirsi, se non come furto,
un’imposta patrimoniale su una casa che lo Stato,
un poco alla volta, si è praticamente già presa
tutta, o quasi?
Aveva ragione Proudhon quando affermava che la
proprietà è un furto. Si, ma è un furto di Stato.
Nel prossimo articolo affronterò gli effetti di una
eventuale patrimoniale sui depositi e conti correnti
bancari: un’altra porcata.

Raffaele Avallone

raffaeleavallone.blog