ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

La nuova moda dei furti:rubano nelle auto mentre le mamme accompagnano i figli a scuola

“Attenzione, stanno girando i ladri in tutta la zona”. Sui social di quartiere e nelle chat di vicinato corre veloce il tam tam di allerta sui furti ai danni di appartamenti e garage. E a Santa Cornelia, periferia del Municipio XV è allarme.

Da Santa Cornelia a Labaro: è allarme furti

“Hanno rubato a casa mia e in quella dei vicini” – scrive una residente. I colpi tra le 18 e le 19. Non gli unici segnalati nella zona soprattutto nelle vie inserite nei contesti più isolati, tra le campagne verdi a nord di Roma. Tra individui sospetti e campanelli suonati da ignoti per chiedere “imprecisate” informazioni cresce l’allerta.

E’ già alta a Labaro, quartiere a poca distanza da Santa Cornelia. Nel mirino dei malviventi le auto delle “mamme” davanti a nidi e scuole materne. “Dopo aver lasciato mia figlia al nido hanno rubato la borsa nascosta in auto” – racconta una mamma. Il vetro ridotto in frantumi, poi la razzia: tutto nei pochi minuti impiegati per lasciare la sua bambina nella struttura di via Bellagio.

 

Scena simile davanti alla materna Arcobaleno, quella di fronte alla Casa della Salute e alla postazione per i tamponi drive-in: qui la tecnica usata è “la truffa delle chiavi” o, dicono dal quartiere, “degli occhiali”.

“Signora le sono cadute le chiavi”. La vittima, che sta per entrare in macchina si volta o scende, fa per raccogliere un mazzo che non è il suo, e la rapina, di borse e oggetti lasciati sul sedile, è fatta. Episodi del genere a Labaro si erano già registrati nel 2017: all’epoca davanti ad Asl, banche e uffici postali.

Da Santa Cornelia a Labaro la richiesta avanzata è la medesima: servono più controlli. Gli stessi reclamati anche dalla Balduina, quartiere residenziale del Municipio XIV, dove i furti in appartamento sono ormai all’ordine del giorno. Un’escalation così li “nessuno la ricorda”.