Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > La Madonna di Piero della Francesca in prestito all’Ermitage: è polemica

La Madonna di Piero della Francesca in prestito all’Ermitage: è polemica

In provincia di Arezzo è partita la polemica per il prestito della Madonna di Piero della Francesca.

La polemica è partita dal Partito Democratico che si opposto strenuamente a quesot prestito che andrà da dicembre 2018 a marzo 2019.

In una nota, il Pd ha fatto sapere che: “Il Comune ha deciso di prestare l’intero Polittico della Misericordia dietro lauti finanziamenti per il Museo , 250 mila euro per la climatizzazione delle sale e l’allargamento del Museo su Palazzo Pretorio, e prestiti in ‘odore’ di Leonardo in Russia”.

Il Partito Democratico spera che: “si prendano tutte le precauzioni necessarie anche per lo smontaggio e rimontaggio in Russia dell’opera che è stata recentemente restaurata, e che si acquisiscano, oltre al parere della Soprintendenza, che l’amministrazione dice di avere, anche il parere dell’Opificio delle pietre dure di Firenze che si è occupato insieme alla Soprintendenza del restauro, e che vengano interpellati i restauratori”.

Secondo il Pd, non ci sarebbe stata la dovuta condivisione in una scelta di questo genere. Mauro Cornioli, sindaco di San Sepolcro, ha risposto dicendo che: “Il prestito non è stato ancora deliberato, c’è stata una proposta in corso di valutazione. C’è una possibilità di realizzare uno scambio culturale con l’Ermitage, un’operazione che sarà sviluppata in futuro su più piani ma che è stata banalizzata dal Pd”.