Sei in: Home > Edizione Nazionale > Investimenti online: quali opportunità sfruttare oggi grazie alle piattaforme di trading?

Investimenti online: quali opportunità sfruttare oggi grazie alle piattaforme di trading?

Il settore del trading online vive un momento di grande dinamismo, iniziato già alcuni anni fa e poi acuitosi durante i mesi di lockdown. Anche ora che le restrizioni sugli spostamenti sono terminati, però, sono moltissimi gli utenti che scelgono di investire sfruttando le opportunità del digitale; i crypto-asset sono sicuramente stati un volano importante per i broker online, tuttavia non sono solo questi nuovi prodotti finanziari ad interessare gli utenti: anche asset considerati più tradizionali, come le azioni e le obbligazioni, attirano l’attenzione degli investitori. Questo grande interesse ha portato le piattaforme che si occupano di mettere in relazione l’utente con il mercato ad vivere un vero e proprio boom, tanto che i numeri relativi alle nuove iscrizioni sono più che raddoppiati.

Chiunque voglia investire online non può, ovviamente, fare a meno di aprire una posizione presso un broker. Questa attività è sicura e perfettamente legale, tuttavia è consigliabile scegliere solo piattaforme di trading online che siano certificate, in modo da operare in sicurezza sui mercati finanziari. I broker migliori, infatti, sono quelli in possesso delle principali licenze emanate dagli organi di controllo internazionale. Per quanto riguarda l’Italia è la Consob che si occupa di regolamentare l’attività delle piattaforme, mentre a livello europeo la licenza CySEC è indice di affidabilità.

Come scegliere una piattaforma per fare trading

 

Oltre all’assoluta necessità di affidare il proprio capitale solo a operatori regolarmente certificati (e, quindi, del tutto legali), esistono poi altre caratteristiche da prendere in considerazione per sfruttare al meglio le opportunità offerte dal trading. Innanzitutto, occorre prendere in esame l’entità delle commissioni. Ogni broker, infatti, applica una commissione sulle operazioni di acquisto e di vendita, tuttavia questa differisce per modalità e costo tra broker e broker. Poi, prima di aprire un conto, è utile verificare l’ammontare della cifra di deposito richiesta. Per attivare un account presso una piattaforma, infatti, si deve di norma lasciare una cifra a deposito: in alcuni casi essa può essere molto bassa, in altri può aumentare fino all’ordine di qualche centinaia di euro.

Un’altra utile funzionalità da tenere in considerazione è la presenza o meno del conto demo gratuito. Il conto demo è un vero e proprio conto virtuale che ricalca in tutto e per un tutto uno vero; i migliori broker non solo danno agli utenti la possibilità di averlo, ma lo caricano con cifre consistenti, che possono arrivare fino a 100.000 dollari. Avere un conto demo è molto importante perché esso permette di fare esperienza effettuando operazioni di trading senza però rischiare di perdere dei soldi reali.

Quali sono le piattaforme migliori

 

Tra le migliori piattaforme per fare trading si distinguono eToro, Libertex, Capital.com, Forex TB, XTB, AvaTrade e Markets.com. Si tratta di operatori ampiamente conosciuti e utilizzati dagli utenti, i quali hanno avuto il merito di portare sempre più persone a investire nel trading in modo autonomo, rapido e semplice. Ognuna di loro è regolarmente certificata e offre un’assistenza tecnica ai suoi iscritti. Esistono, però, delle differenze che rendono una piattaforma più adatta a un utente piuttosto che un’altra.

Per chi cerca un’esperienza coinvolgente e professionale, eToro – piattaforma quotata in borsa grazie all’accordo con FinTech Acquisition Corp. V – potrebbe essere la scelta giusta in quanto consente di investire su numerosi asset. Per chi, invece, fosse interessato ad operare solo con i CFD, le alternative migliori potrebbero essere le piattaforme CFD pure come Libertex, Forex TB e Capital.com. Tutti gli operatori citati rappresentano comunque un’ottima base di partenza per chiunque desideri cominciare a fare trading in quanto in possesso delle principali licenze del settore.