ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 5 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Investimenti. La Regione approva la destinazione dei fondi assegnati dal Governo, 55 milioni di euro per infrastrutture, mobilità sostenibile, cultura, lotta alle disuguaglianze territoriali e di genere. Calvano: “Così creiamo le condizioni per sostenere la ripresa”

Bologna – Dalla mobilità sostenibile alle infrastrutture viarie e portuali, dalla rigenerazione urbana alle Unioni Comuni, fino al potenziamento della telefonia in montagna e del wi-fi sulla costa adriatica. E ancora un supporto a beni culturali e Case rifugio antiviolenza, nonché il sostegno ai comuni emiliano-romagnoli maggiormente colpiti dalla pandemia.

Sono i settori di intervento, decisi dalla Regione, che beneficeranno dei 55 milioni di euro stanziati dal Governo nell’ambito del Fondo investimenti delle Regioni a Statuto ordinario.

La Giunta regionale, guidata dal presidente Stefano Bonaccini, nel corso dell’ultima seduta ha definito i criteri per la ripartizione delle nuove assegnazioni del Fondo, che verranno attivate tra il 2022 e il 2024.

Così, la Regione, da Piacenza a Rimini, da un lato andrà a rafforzare politiche d’investimento già avviate sul territorio dell’Emilia-Romagna, dall’altro attiverà anche nuove linee d’intervento.

Il totale delle risorse per investimenti ammonta a 55 milioni e 127 mila euro che si vanno ad aggiungere alle precedenti assegnazioni, fatte tra il 2020 e il 2021, pari a quasi 80 milioni: da inizio legislatura la misura raggiunge così quota 135 milioni di euro.

“Abbiamo fatto la scelta strategica di destinare queste risorse interamente ai Comuni e alle loro Unioni -ha commentato l’assessore regionale al Bilancio, Paolo Calvano-. Sono risorse che vanno a rafforzare gli investimenti della Regione a favore di cittadini, imprese e famiglie, garantendo la tenuta sociale ed economica dell’intera comunità emiliano-romagnola. L’obiettivo è quello di superare la pandemia, sostenere con forza la ripartenza e creare le migliori condizioni possibili per il futuro immediato e dei prossimi anni. Una ripartenza basata su sostenibilità, innovazione digitale, nuove modalità di lavoro e capacità di investimento degli Enti locali, per scelte condivise con i territori stessi e le parti sociali”. 

Gli investimenti
In base alla ripartizione realizzata dalla Giunta le nuove risorse andranno a sostenere interventi a favore di auto “verdi” (un milione di euro); piste ciclabili (10 milioni); interventi di rigenerazione urbana (20 milioni), Unioni di Comuni (5 milioni); beni culturali (5 milioni), progetti per i Comuni maggiormente colpiti dalla pandemia (2 milioni); telefonia in montagna (1,3 milioni) e wi-fi sulla Costa adriatica (2,7 milioni); infrastrutture dei porti (4 milioni) e viabilità provinciale (3 milioni e 127 mila euro); sostegno alle Case rifugio antiviolenza (1 milione).
Gianni Boselli