Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Potenza > Intervento al San Carlo di Potenza è primato europeo

Intervento al San Carlo di Potenza è primato europeo

Si è tenuto all’Ospedale San Carlo di Potenza il primo intervento in Europa di impianto di una nuova valvola aortica transcatetere con approccio trans-apicale.

Nel 2017 l’equipe di cardiochirurgia dell’Ospedale di San Carlo si era già distinta a livello nazionale per aver realizzato il primo impianto in Italia di una valvola cardiaca di nuova generazione, realizzata con un materiale biologico destinato a durare nel tempo. Oggi l’Azienda Ospedaliera di Potenza torna a far parlare di sé, conquistando un primato in Europa. Oggi è stato infatti realizzato il primo intervento cardiochirurgico in Europa di impianto di una nuova valvola aortica transcatetere con approccio trans-apicale di ultimissima generazione.

Il paziente, un uomo di 82 anni affetto da stenosi aortica severa sintomatica ad alto rischio chirurgico, è stato operato con successo dal Dottor Giampaolo Luzi, direttore dell’Unità Operativa Complessa (U.O.C.) Cardiochirurgia, e dall’equipe cardiochirurgica composta dal Dottor Mario Miele, dalla Dottoressa Erica Manzan, dal Direttore U.O.C. Cardiologia, Dottor Rosario Fiorilli, con la collaborazione dell’Ecocardiografista Pasquale Innelli e dell’Anestesista Sergio Laurino. L’impianto è stato effettuato a cuore battente, senza l’installazione di un sistema di circolazione extracorporea o di arresto cardioplegico del cuore. La valvola aortica è stata introdotta dall’apice del cuore, all’interno di quella del paziente. L’operazione si è conclusa in 50 minuti.

Rispetto alle classiche protesi, la nuova valvola aortica presenta una sorta di “gonnellina” esterna più alta, e un tessuto che consente la perfetta aderenza all’anello aortico, che riduce il leak perivalvolare, cioè l’insufficienza aortica residua. Nei passati due anni, in cui U.O.C. Cardiochirurgia è stata sotto la guida del Dottor Luzi, gli interventi annuali sono passati da 200 agli attuali 360. Questo è stato possibile grazie all’introduzione promossa dal Dottor Luzi di tecniche mini-invasive e l’utilizzo di materiali all’avanguardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *