Streaming
Sei in: Home > Edizione Nazionale > Il sindacato dei pompieri denuncia Matteo Salvini

Il sindacato dei pompieri denuncia Matteo Salvini

Il sindacato dei pompieri denuncia il vice premier e leader della Lega per uso improprio della divisa.

Matteo Salvini, in molte visite ufficiali indossa divise che non gli competono. Quando ha indossato la divisa della Polizia in pubblico non è successo niente.

Peccato che i pompieri non l’abbiano vista allo stesso modo. Dopo che Salvini ha pubblicamente indossato il giaccone della divisa dei pompieri, il coordinatore nazionale Usb dei pompieri, Costantino Saporito si è infuriato.

Dal codice penale si può leggere infatti che, in base all’articolo 498: “chiunque abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, o di un corpo politico, amministrativo o giudiziario, ovvero di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato” deve essere punito con una multa che va da 154 euro a 929 euro.

E dal momento che la legge è uguale per tutti, anche il vice premier Matteo Salvini non può sottrarsi ad essa. L’idea dietro l’articolo 498 è che nessuno che non sia veramente un membro della polizia o dei carabinieri dovrebbe indossare una divisa perché potrebbe confondere le persone e creare problemi in una situazione in cui è richiesto un intervento specializzato.

Saporito, nella lettera inviata al prefetto Bruno Frattasi capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, e al responsabile dell’ufficio Garanzia dei diritti sindacali, ha anche scritto: “Onde evitare che si proseguano atteggiamenti lesivi all’immagine del ministero, bloccate immediatamente questo uso improprio che sta generando azioni estemporanee da parte di chi crede che tutto vale e la legge non vada rispettata. Oppure moltiplicate le apparizioni del sig. Ministro, in divisa, per il massimo della sanzione pecuniaria prevista. Ce ne sarebbe per tutto il comparto, per un congruo rinnovo del contratto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *