ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 29 Novembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

[rank_math_breadcrumb]

Il piano territoriale GraiesLab verso la conclusione

Generazioni rurali, innovanti, attive e solidali: con questo obiettivo era nato il Piano territoriale integrato GraiesLab finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Alcotra 2014-2020.

Come per tutti i progetti europei che hanno dovuto affrontare i lockdown dovuti alla pandemia, la scadenza è stata ritardata, ma ora si è giunti nella fase finale.

Per questo il Comitato di pilotaggio del Graies che si è tenuto giovedì 9 giugno al Lac d’Aiguebelette, in Savoia, ha avuto un sapore speciale. Di nuovo finalmente tutti in presenza, per fare il punto su tutto quello che è stato fatto nei cinque progetti singoli: il Piano di coordinamento, Explorab, InnovaLab, MobiLab e SociaLab, ciascuno votato a migliorare e rendere attrattive le zone di montagna e rurali grazie a un partenariato composto da Città metropolitana di Torino, Camera di commercio di Torino, Gal Valli del Canavese, Gal Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, Unité des communes valdôtaines Grand-Paradis, Conseil Départemental de Savoie, Communauté de Communes Coeur de Savoie, Syndicat Mixte de l’Avant Pays Savoyard, Communauté d’Agglomération Arlysère.

Il finanziamento del Graies, che ammonta a 8,41 milioni di euro di cui 1,26 cofinanziati dai partner, è servito a mettere in campo azioni e sperimentazioni che dessero impulso all’innovazione, dando alle micro e piccole imprese gli strumenti per rimanere sul territorio in maniera competitiva, stimolare la nascita e/o il trasferimento di nuove imprese; a sostanziare il senso di identità, valorizzano e tutelando il territorio in una logica di sostenibilità, qualità e tipicità; creando e implementando i servizi, in particolare quelli di prossimità per il benessere della comunità e per contrastare lo spopolamento; incentivando la mobilità per consentire alle persone di muoversi da e per il territorio del Piter; e infine per dare vita a un’equilibrata governance che favorisca lo sviluppo locale e l’acquisizione di competenze per la loro gestione.

La mattinata ha ripercorso tutte le tappe di lavoro e fatto il punto su quanto ancora da realizzare per ciascun progetto. Il pomeriggio però è stato dedicato a una serie di workshop che fanno già il punto sul futuro.

La consigliera delegata a sviluppo economico, attività produttive, turismo, pianificazione strategica della Città metropolitana di Torino, nominata da pochi mesi e che ha partecipato alla giornata per conoscere tutti i partner, ha spiegato che “La nostra Città metropolitana si contraddistingue da tutte le altre realtà analoghe italiane per la peculiarità del suo territorio: 312 comuni di cui una gran parte rurale e montana e un confine extranazionale con la Francia non sono il limite ma la forza del nostro territorio. Da questo presupposto parte il nostro impegno per favorire lo sviluppo economico e sociale, nella logica di una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva che è alla base di questo Piter Alcotra”.